Marini, prima fila super: “Weekend importante per me e Valentino Rossi”

Per la prima volta partirà in prima fila Luca Marini, che ammette: “85 millesimi di distacco lasciano un po’ di rammarico, ma sono solo contento”

Luca Marini (Foto account Facebook Sky Racing Team VR46)
Luca Marini (Foto account Facebook Sky Racing Team VR46)

La prima volta non si scorda mai. E se poi arriva a casa tua, è ancora più bello. A Misano per Luca Marini è la prima volta in prima fila in MotoGP. E di sicuro gli rimarrà per un po’ nella mente.

Marini, prestazione super

Le condizioni non erano delle migliori, ma il fratello di Valentino Rossi ha sfruttato al massimo l’occasione e si è messo dietro la concorrenza, realizzando così una prima fila tutta Ducati che è davvero storica.

“Avevo un po’ di margine, ma non volevo rovinare tutto cadendo o toccando il verde”, ha raccontato poi Luca Marini ai microfoni di Sky Sport. “Certo, 85 millesimi di distacco lasciano un po’ di rammarico, ma sono solo contento ed è una bella soddisfazione per me e per la squadra in una stagione non semplice”.

Poi ha spiegato: “Su queste condizioni le differenze tra le moto si assottigliano e il pilota può ancora fare la differenza, sapevo che avevo una grande occasione e l’ho sfruttata. Domani in gara sarà molto più difficile difendere e mantenere questa posizione se sarà asciutto, ma intanto ci godiamo questo bel risultato in un fine settimana molto importante per me e la mia famiglia con anche l’ultima gara di Valentino (Rossi, ndr) a Misano”.

Anche i vertici Ducati sono con lui

Un risultato davvero incredibile quello messo a segno da Marini, che ha ricevuto poi i complimenti anche da Davide Tardozzi a fine qualifiche, che è andato proprio nel suo box per dimostrargli tutta l’ammirazione possibile dopo un risultato simile. Segno che anche la Ducati ufficiale lo sta seguendo con grande attenzione.

Grande emozione poi anche al suo muretto box, con il team manager Pablo Nieto davvero raggiante: “Sono veramente contento per lui, perché lavora tantissimo, è il premio alla sua dedizione e alla grande forza di volontà. Poi il prossimo anno avrà finalmente una moto factory e questo lo aiuterà molto a livello psicologico perché a quel punto sai di non avere nulla da invidiare agli altri a livello di condizione tecnica”.

LEGGI ANCHE —> Bagnaia-Miller-Marini, tripletta storica a Misano: l’analisi delle qualifiche

Luca Marini, al suo primo anno di MotoGP (Foto di Mirco Lazzari gp/Getty Images)
Luca Marini, al suo primo anno di MotoGP (Foto di Mirco Lazzari gp/Getty Images)