MXGP, Tony Cairoli sfortunato: “Non mi era mai successo”

In Spagna Tony Cairoli frenato da un problema in gara-1, nella seconda manche prova a insidiare la zona podio.

Tony Cairoli in Spagna

Tony Cairoli riesce a portare a termine il week-end spagnolo senza problemi fisici, con un 5° posto finale. Le ultime due gare erano state complicate dall’infortunio rimediato in Sardegna, che lo hanno costretto ad affrontare i Gran Premi senza possibilità di allenarsi. Il siciliano nei giorni scorsi è ritornato a compiere qualche giro in moto per prepararsi in maniera discreta per affrontare la pista di Arroyomolinos, a ovest della capitale spagnola Madrid.

Nel primo round è partito dall’ottava piazza, stava trovando il suo ritmo migliore, ma un sasso entra nello stivale destro costringendolo a fermarsi e poi proseguire. Ripartito più motivato che mai in sella alla sua KTM 450 SX-F è riuscito a rimontare dalla decima alla settima posizione. In gara 2 è rimasto avvolto nella bagarre iniziale, ma si è ben districato tra le maglie e ha provato a insidiare la terza piazza di Jorge Prado fino alla fine, dovendosi poi accontentare del 4° posto.

Un week-end sfortunato

Prossimo appuntamento con la MXGP tra una settimana sul circuito Ciclamino di Pietramurata, nel Trentino. Tony Cairoli guarda il lato positivo del fine settimana spagnolo, cioè la ritrovata condizione fisica. “Non ho avuto lo stesso problema che avevo nelle ultime gare quando dovevo guidare sotto antidolorifici e oggi è la prima volta che mi sento di nuovo bene. Le partenze sono state di nuovo importanti e nella prima manche l’ho sbagliata”. Poi un colpo di sfortuna che non manca mai: “Il mio ritmo stava migliorando quando mi è entrato un sasso nello stivale, qualcosa di molto strano che non mi era mai successo prima. Mi sono dovuto fermare per aprirlo perché mi faceva molto male, così ho perso un paio di posizioni e ho lottato per recuperarle”.

Nella seconda manche ha sfruttato una buona partenza per ritornare al vertice, ma sorpassare il compagno di team Jorge Prado è stato impossibile. “Il quarto posto mi va bene ma la cosa positiva è che sia il petto che le costole stanno meglio, il che significa che potremmo essere ancora più competitivi ad Arco”, ha concluso Cairoli.

Tony Cairoli in Spagna