Divieto di fumo in auto, nuove sanzioni su smartphone

Il Codice della Strada potrebbe cambiare con alcune nuove normative che riguardano fumo, monopattini e limiti di velocità in autostrada.

Fumo in auto (foto Pixabay)

Il Parlamento sta studiando alcune modifiche al Codice della Strada e si prevedono nuove norme sul divieto di fumo alla guida, l’uso di smartphone e tablet al volante e per regolarizzare l’utilizzo selvaggio dei monopattini. Gli emendamenti proposti dai partiti verranno esaminati martedì 19 ottobre dalle Commissioni Ambiente e Trasporti della Camera. C’è ampio consenso sul freno da imporre su monopattini e bici in noleggio.

Regolare l’uso dei monopattini

Per i monopattini si punta a regolamentare i parcheggi e ad introdurre l’obbligo di targa, di rc auto e di protezioni anche per i maggiorenni, con casco e giubbetti catarifrangenti. Secondo le richieste il limite di velocità potrebbe scendere a 20 km/h e verrà vietato l’utilizzo del monopattino in due, un’abitudine sempre più diffusi dai turisti e non. Previste pesanti sanzioni e la Lega propone persino la confisca nel caso i mezzi vengano modificati per aumentarne le prestazioni.

Fumo al volante e uso smartphone

Si parla anche di innalzamento dei limiti di velocità su alcuni tratti autostradali, ma su questo punto ci sono opinioni contrastanti tra le forze politiche. Il M5S propone il divieto di fumare al volante, l’inasprimento delle multe per chi utilizza apparecchi radiotelefonici “che comportino anche solo temporaneamente l’allontanamento delle mani dal volante”. L’idea è di passare ad una sanzione compresa tra 422 e 1.697 euro e la sospensione della patente da 7 giorni a due mesi. Nel caso la violazione sia ripetuta nel corso di un biennio viene proposta una maximulta da 644 a 2.588 euro e la sospensione della patente da uno a tre mesi. Forza Italia suggerisce l‘obbligo di cinture a bordo degli scuolabus su tutto il territorio nazionale.

Polizia (foto Pixabay)