Superbike Argentina, Razgatlioglu: “Non avevo visto la bandiera a scacchi”

Razgatlioglu commenta Gara 1 Superbike vinta in Argentina con tanto di curiosità nel finale. Il pilota Yamaha spiega cosa è successo.

Toprak Razgatlioglu
Toprak Razgatlioglu festeggia in Argentina (foto WorldSBK)

Toprak Razgatlioglu ha iniziato alla grande il weekend Superbike in Argentina. Ha dominato Gara 1 dimostrando una superiorità netta su Jonathan Rea, ora distante 29 punti in classifica.

Già dalle prove libere si era visto che il pilota Yamaha era il più veloce di tutti. In Superpole era stato beffato da Scott Redding, però al momento di fare sul serio non ha sbagliato. Prestazione perfetta nella prima manche ed è il favorito d’obbligo anche per le prossime.

LEGGI ANCHE -> Superbike Argentina, classifica Gara 1: Razgatlioglu demolisce Rea

SBK Argentina, Razgatlioglu commenta Gara 1

Una curiosità della vittoria di Razgatlioglu a San Juan Villicum è il fatto che il turco al traguardo non ha rallentato, ha continuato a spingere come se avesse un altro giro da dover compiere. Nel post-gara ha spiegato cosa è successo e ha fatto una battuta: «Non avevo visto la bandiera a scacchi. Forse sono diventato vecchio».

A proposito del suo trionfo in Gara 1 Superbike in Argentina, si è così espresso: «Sapevo da venerdì che sarei stato molto forte. Faceva molto caldo, la pista era scivolosa e avevo meno grip. Ma abbiamo vinto ancora. Il mio sogno è quello di vincere tutte e tre le gare in un weekend. Mi sento molto forte in questo fine settimana. Proverò a vincere entrambe le manche domenica, dovrebbe esserci più fresco. Sabato pomeriggio faceva molto caldo».

Toprak si aspetta un Rea più competitivo oggi: «Forse Johnny può migliorare. Però cercherò di aprire un gap dopo cinque giri. In alcune curve è facile superare, in altre c’è il rischio di toccarsi».