Delusione Ktm Tech3: “La peggior posizione possibile”

Il team principal del team Tech3 deluso per la prestazione di Iker Lecuona e Danilo Petrucci dopo il GP di Austin.

Danilo Petrucci (getty images)

Per il team KTM Tech3 il Gran Premio di Austin si è rivelato un altro deludente week-end. Danilo Petrucci ha dovuto fare i conti con un dolore alla spalla che lo ha frenato sin dai primi giri e si è dovuto accontentare della 18esima posizione al traguardo, penultimo davanti al solo Franco Morbidelli. Iker Lecuona 16°, ad un soffio dalla zona punti che non ha raggiunto in maniera beffarda. “Un altro weekend molto frustrante per il team Tech3 KTM Factory Racing”, ha commentato il team principal Hervé Poncharal.

LEGGI ANCHE —> La confessione (spassosa) di Valentino Rossi all’idolo Schwantz (VIDEO)

Un doppio risultato negativo

Il pilota spagnolo interrompe la scia di risultati positivi che stava inanellando nelle ultime gare, stavolta il suo punto forte, la partenza, non lo aiuta a destreggiarsi nelle prime fasi di gara. Prima di guadagnare posizioni ha dovuto attendere diversi giri e la zona punti sembrava fattibile. “Ma ancora una volta, come è successo abbastanza spesso, credo che Iker abbia commesso un errore a metà gara perdendo molto tempo e alcune posizioni”, ha aggiunto il manager francese. “Anche se si è ripreso e stava andando più veloce dei ragazzi davanti a lui, non è mai riuscito a prenderli tutti. Ha concluso al 16° posto, che è ancora una volta la peggior posizione possibile. Saremmo stati felici di fare un punto con almeno uno dei nostri due ragazzi. È frustrante ed è un déjà vu”.

Ancora peggio è andata a Danilo Petrucci, autore di una buona partenza, ma i problemi fisici lo hanno frenato, nonostante abbia assunto antidolorifici. “Per molte ragioni, non era nel posto giusto per segnare un punto. So che entrambi i nostri ragazzi hanno provato e spinto, ma finora non è abbastanza -ha concluso Poncharal – . Speriamo che le cose vadano un po’ meglio la prossima volta in Italia per la seconda gara di Misano”.

Danilo Petrucci (getty images)