Alex Marquez non tiene il passo di Marc: “Troppo distante da mio fratello”

Alex Marquez chiude 12° il GP di Austin con un distacco di 25 secondi dal vincitore Marc Marquez. Un risultato che non può certo soddisfarlo.

Alex Marquez (getty images)

Il weekend texano di Alex Marquez si chiude al dodicesimo posto con un distacco di venticinque secondi dal fratello vincitore con la stessa moto. Per il giovane pilota del team LCR Honda, scattato dalla quindicesima piazza, non può essere un risultato incoraggiante. “Sono partito bene, ma poi mi sono scontrato con un altro pilota alla prima curva, di conseguenza ho perso di nuovo alcune posizioni”.

LEGGI ANCHE —> Marquez vince ma preoccupa: “Non sono pronto, l’osso non è attaccato”

Problemi di aderenza per Alex Marquez

Al settimo giro sono iniziati i problemi di grip al posteriore e il due volte campione del mondo ha commesso un errore alla curva 12 che gli ha fatto perdere tre o quattro secondi. Agli altri piloti del marchio Honda non è andata molto meglio: il compagno di squadra Takaaki Nakagami è caduto, ma era al sesto posto. Mentre il pilota ufficiale della Honda Pol Espargaró ha centrato la top 10.

Suo fratello Marc Marquez ha trionfato nonostante una condizione fisica non particolarmente ottimale: “Abbiamo chiuso 24 secondi dietro al vincitore che ha la nostra stessa moto. Non possiamo essere soddisfatti di questo”, ha ammesso Alex Marquez. “Sappiamo che Marc di solito fa la differenza come pilota su questa pista, ma anche Nakagami era forte. Cercherò di imparare da loro e quando torneremo l’anno prossimo sarò più competitivo”.

Tanti colleghi della classe regina hanno lamentato un grande sforzo fisico alla fine della gara di Austin, ma il pilota LCR non è della stessa opinione. “Dal punto di vista fisico mi sarei aspettato una gara più difficile. Molti piloti alla fine hanno commesso errori e non sono più riusciti a mantenere i tempi di 2:05. Ma sono stato in grado di continuare a guidare costantemente sul 2:05 alto. Non mi sarei aspettato questo calo di prestazioni dai piloti più esperti, perché qui sanno guidare una MotoGP. Per me lo sforzo è stato limitato, il che è davvero positivo”.

Alex Marquez (getty images)