Bagnaia ora crede di più al Mondiale: “Fondamentale essere costanti”

Dopo le due vittorie consecutive Pecco Bagnaia non si vuole di certo fermare. Ora l’obiettivo diventa il titolo iridato.

Pecco Bagnaia (GettyImages)
Il pilota della Ducati Pecco Bagnaia (GettyImages)

Bagnaia aveva cominciato la stagione subito con un podio, poi nella parte centrale un calo di rendimento lo aveva portato lontano dai primi. Nelle ultime due gare però sembra aver fatto finalmente quel click definitivo per entrare tra i top rider della MotoGP. Pecco ha infatti vinto, dominando, lottando e dimostrando di essere il migliore.

Naturalmente ora c’è grande attesa per l’ultimo scorcio di stagione, anche se il cammino verso il titolo sembra abbastanza compromesso. Al momento le lunghezze di differenza da Quartararo sono ben 48. Probabilmente però Pecco sarebbe contento almeno di giocarsela sino all’ultima gara. Per fare ciò però dovrà cercare di chiudere quantomeno sempre a podio le prossime gare.

Bagnaia ora punta il bersaglio grosso

In vista del prossimo Gran Premio ad Austin Pecco ha così commentato: “Questo periodo di riposo prima della gara negli USA e dopo il testi di Misano mi sono stati utili per ricaricarmi ed assimilare le due vittorie, soprattutto l’ultima ottenuta sulla pista di casa. Sia ad Aragon che a Misano ho trovato subito il feeling con la moto sin dalle prove libere del venerdì e più in generale ho avuto sensazioni molto positive dalla Desmosedici”.

LEGGI ANCHE >>> MotoGP, Franco Morbidelli: il prossimo step ad Austin

Bagnaia ha poi proseguito lasciando una piccola fiammella accesa per il titolo iridato: “Spero a questo punto di ritrovare le medesime sensazioni anche qui ad Austin e di poter essere allo stesso modo competitivo questo weekend. In campionato il gap è ancora importante e restano solo 4 gare, per questo sarà fondamentale essere costanti e provare a portare a casa più punti possibili”.

Antonio Russo

Pecco Bagnaia in pista a Misano Adriatico (Foto Ducati)
Pecco Bagnaia in pista a Misano Adriatico (Foto Ducati)