Hamilton travolge il meccanico e chiede scusa: “Avevo il cuore in gola”

Lewis Hamilton si è scusato per l’incidente avvenuto ai box a Sochi, quando ha involontariamente investito uno dei meccanici della Mercedes

Lewis Hamilton investe il meccanico della Mercedes ai box del Gran Premio di Russia a Sochi
Lewis Hamilton investe il meccanico della Mercedes ai box del Gran Premio di Russia a Sochi (Foto Twitter/F1)

Si sono vissuti momenti di brivido ieri al box della Mercedes, nel corso della seconda sessione di prove libere del Gran Premio di Russia.

Colpa di Lewis Hamilton, che ha imboccato la sua piazzola di sosta con una velocità eccessiva, finendo oltre il limite previsto per la sua vettura e investendo il meccanico che reggeva il cartello di segnalazione davanti a lui.

Il membro dello staff della Freccia nera travolto è rimasto a terra e il campione del mondo in carica si è affrettato a scusarsi, comunicando via radio con il suo muretto e chiedendo se l’uomo fosse ferito.

A far tirare un sospiro di sollievo al pilota anglo-caraibico, ma anche a tutti gli spettatori, è stata la stessa squadra della Stella a tre punte che, nel prosieguo del turno, ha inviato un messaggio rassicurante attraverso il suo canale ufficiale di Twitter.

Il rammarico di Lewis Hamilton

“Per tutti coloro che ce lo chiedono, il nostro meccanico sta bene”, ha scritto il portavoce della scuderia anglo-tedesca. A poche ore di distanza anche lo stesso sette volte iridato ha pubblicato il video dello sfortunato incidente su Instagram, corredandolo con un messaggio in cui si dichiara comprensibilmente dispiaciuto per l’accaduto.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Lewis Hamilton (@lewishamilton)

“Credo che sia stata la prima volta in quattordici anni in cui ho colpito un meccanico”, racconta Hamilton. “Avevo il cuore in gola, ero così preoccupato. Per fortuna sta bene, è piuttosto coraggioso a stare davanti alla macchina in quel modo”.

Stando alle ricostruzioni giornalistiche, ad aver causato questo inconveniente sarebbe stato il famigerato “bottone magico” della Mercedes: lo stesso che, alla ripartenza in Azerbaigian, aveva già tradito Lewis mandandolo involontariamente fuori pista.

In ogni caso, l’intenzione del fuoriclasse è quella di mettersi alle spalle il più rapidamente possibile questo scivolone: “Tutti commettiamo degli errori, fa parte del viaggio”, conclude nel suo messaggio su Instagram, “ma è come ne usciamo a contare di più”.

Lewis Hamilton ai box del Gran Premio di Russia a Sochi
Lewis Hamilton ai box del Gran Premio di Russia a Sochi (Foto Sebastian Kawka/Mercedes)

LEGGI ANCHE —> Hamilton lancia la Mercedes: “Ora sfruttiamo la penalità di Verstappen”