SBK, Michael Rinaldi: “Rea non mi preoccupa”

Michael Rinaldi piazza il secondo miglior crono nel venerdì di prove libere a Jerez. E guarda con ottimismo a Gara 1.

Michael Ruben Rinaldi (foto Instagram)

Michael Rinaldi è intenzionato a ripetere la grande prestazione di Barcellona anche a Jerez. Al Montmelò ha chiuso rispettivamente 3°, 5° e 1° e nella prima giornata di prove libere sul circuito intitolato ad Angel Nieto piazza il secondo miglior crono alle spalle di Jonathan Rea, con un gap di 4 decimi.

Il pilota italiano della Ducati è pienamente soddisfatto per il venerdì di libere e guarda con ottimismo ai tre round. “Sono soddisfatto, perché sono tornato davanti, e questa è la cosa più importante”, ha dichiarato Michael Rinaldi nell’intervista raccolta da Speedweek.com. “Siamo al 95% con la moto e nelle FP3 di sabato cercheremo di trovare il restante 5% per essere più veloci e costanti. Finire secondo venerdì mi dà fiducia e penso che possiamo raggiungere il podio”.

Jonathan Rea però ha distaccato l’alfiere della Ducati con 4 decimi, una differenza che non impressiona il pilota romagnolo. “Bisogna guardare bene. Johnny aveva una nuova gomma posteriore montata per i suoi giri più veloci. Questo è comprensibile, perché sta lottando per il campionato”, ha aggiunto il 25enne del team Aruba.it Racing. “Sapeva che anche Toprak aveva una gomma nuova e voleva mostrare il suo potenziale. Io non ne ho bisogno, perché volevo prepararmi per le gare”.

Michael Ruben Rinaldi ha preferito adottare una strategia più conservativa in vista della prima gara di domani a Jerez. “Ho fatto a meno di una gomma nuova e così sabato ho un po’ più di tempo. Non mostro le mie carte. Ma se analizzi il mio passo di gara, è paragonabile a quello di Johnny, forse anche un po’ meglio. Quindi non devo preoccuparmi di questo ritardo di 0,4 secondi”.

Michael Rinaldi in pista nella gara di Superbike a Barcellona
Michael Rinaldi in pista nella gara di Superbike a Barcellona (Foto Ducati)