Aleix Espargarò riscopre i vecchi problemi della Aprilia

Aleix Espargarò chiude 8° a Misano e riscopre alcuni dei vecchi problemi dell’Aprilia RS-GP. Nel test si lavorerà sulla geometria della moto.

Aleix Espargaro a Misano (foto Aprilia)

Stavolta la grande impresa non riesce ad Aleix Espargarò, dopo il podio di Silverstone e il 4° posto di Aragon. Il pilota di Granollers riscontra qualche problema di troppo a Misano e deve accontentarsi dell’8° posto che resta comunque un buon risultato che gli permette di avvicinarsi alla sesta piazza in classifica. Ha sofferto per tutta la gara non essendo riuscito a sfruttare al massimo il potenziale della sua moto, lottando a tu per tu con Marc Marquez e perdendo quindi la scia dei migliori.

Aleix Espargarò rispolvera alcuni dei vecchi problemi della RS-GP che dovranno essere affrontati nella due giorni di test, a cominciare dalla geometria della moto. “Maverick, Lorenzo ed io saremo qui nei test, Lorenzo è un pilota molto veloce. Ieri abbiamo incontrato Romano e gli ingegneri e il test team. Abbiamo alcune idee da implementare nelle prestazioni della moto perché abbiamo un ottimo programma. Ora dobbiamo riorganizzare tutto visto che il test invernale non è molto lungo”.

Non può nascondere una certa amarezza per il risultato di Misano dove si aspettava qualcosa in più. “Le cose potevano andare molto meglio. Ero dietro Marc per quasi il 90% della gara e lui era quarto. A causa di due errori di pilotaggio, Mir e mio fratello mi hanno superato quando avevo un vantaggio su di loro. Le corse sono così. La moto era difficile da guidare e instabile. Non è niente di drammatico, qui non siamo molto competitivi. Ogni anno qui facciamo fatica – ha concluso Aleix Espargarò -. La moto è difficile da fermare e l’asfalto è accidentato”.

Aleix Espargaro a Misano (foto Aprilia)