Ducati, Dall’Igna svela il punto di forza del progetto Desmosedici

Gigi Dall’Igna ha il morale a mille dopo la vittoria di Pecco Bagnaia ad Aragon. E svela alcuni dettagli della Desmosedici GP21.

Gigi Dall’Igna e gli uomini Ducati (getty images)

In casa Ducati c’è grande soddisfazione ed entusiasmo dopo la vittoria di Pecco Bagnaia ad Aragon. Il Direttore Generale di Ducati Corse Gigi Dall’Igna evidenzia come le sue GP21 stiano andando bene e il progetto “giovanile” procede a gonfie vele. Dall’arrivo dell’ingegnere veneto la Rossa di Borgo Panigale è progredita a dismisura, ma adesso è il momento di puntare ancora più in alto.

La vittoria contro Marc Marquez infervora l’ambiente emiliano che arriva a Misano sull’onda del successo. “E’ stata una gara incredibile e sono molto emozionato. Pecco è stato fantastico! Ha fatto davvero un capolavoro, guidando in maniera impeccabile e battendo un Marc Marquez che si è rivelato in gran forma. Questo primo successo è stato davvero molto importante per Pecco e se lo merita al 100%, così come tutti i ragazzi di Ducati Corse che hanno lavorato duramente per raggiungere questa vittoria. Sono davvero molto felice ”.

La GP21 è migliorata in ogni area tecnica nonostante il congelamento dei motori imposti dal regolamento a causa dell’emergenza Covid-19. Le scelte tecniche si stanno rivelando efficaci, ma adesso occorre trovare maggiore costanza di risultati. “Abbiamo lavorato in tutte le aree, migliorando l’erogazione sia con il motore che con l’elettronica, soprattutto nella prima erogazione del gas e nelle curve veloci. Da questo punto di vista abbiamo fatto un passo avanti”.

Un ulteriore e fondamentale step è stato compiuto nella comprensione delle gomme Michelin, vero tallone d’Achille nella stagione 2020. “Per quanto riguarda il telaio, abbiamo capito un po’ meglio le gomme dopo i problemi del 2020, abbiamo ottimizzato le cose buone. La MotoGP oggi è tutta una questione di dettagli, abbiamo messo a punto le cose giuste per fare progressi”.

LEGGI ANCHE —> Valentino Rossi nomina i suoi eredi: “Per chi farò il tifo dopo il mio ritiro”

Pecco Bagnaia e Marc Marquez ad Aragon (getty images)