La Ferrari arranca con entrambe le auto nelle qualifiche di Monza

Sul veloce tracciato di Monza la Ferrari non compie miracoli e nelle qualifiche pre mini-gara paga un gap importante dai primi.

Charles Leclerc (©Ferrari Twitter)

Non è bastato il pubblico sugli spalti per darle qualche decimo in più. Sul circuito brianzolo la Rossa ha patito le alte velocità e dei problemi tecnici hanno ingigantito ancor di più il suo handicap in questo genere di layout.

Nella fattispecie, sulla vettura di Leclerc nel corso del Q1 si sarebbe verificato un guasto al frenomotore. Un problema che lo ha costretto in ottava piazza e su cui però non ha voluto entrare nei dettagli.

“Non è stato piacevole avere quel problema, ma è andata così”, ha affermato un deluso Charles alla fine. “Non voglio scendere nei particolari. Ad ogni modo dovremo controllare e cercare una soluzione”. Ovviamente la frustrazione va di pari passo con la voglia di mettersi in mostra davanti ai tifosi. Una possibilità che è per il suddetto intoppo è mancata.

“Potevamo partire più avanti”, si è lamentato il monegasco, ammettendo di avere avuto l’ambizione della terza fila.

A Sainz non è andata meglio

Anche se sulla sua SF21 non si sono verificate noie tecniche anche Carlos non ha avuto vita facile concludendo appena una posizione più avanti del compagno di box.

“Su questa pista soffriamo, ma siamo comunque riusciti a fare meglio del 2020. Detto ciò, noi siamo la Ferrari e dobbiamo puntare sempre al massimo”, ha asserito il madrileno quasi a scuotere il suo gruppo a rimboccarsi le maniche.

Nove decimi di distacco dalla Mercedes non sono pochi, ma per la Sprint Qualifying e per il GP il target resta quello di tenere a bada la McLaren raccogliendo più punti possibili. “Sarà molto importante partire bene domani e domenica. Ma di passo non abbiamo molto di più di questo”, ha chiosato sconsolato il #55.

Carlos Sainz (©Ferrari Twitter)