MXGP, Tony Cairoli: “Il podio non basta più”

Grande prestazione di Tony Cairoli sul tracciato di Afyon e terzo posto finale. Prossimo appuntamento decisivo per la corsa al Mondiale.

Tony Cairoli

Il Mondiale di Motocross è ritornato in scena sulla pista turca di Afyon, dove Tony Cairoli si è reso autore di una prova magistrale. Nel primo round sbaglia qualcosa nella fase di partenza e si ritrova ottavo al primo giro. Recupera progressivamente posizioni ad ogni passaggio, fino ad arrivare quarto ma con il gruppo di testa distanziato di 8 secondi. Il pilota KTM non si dà per vinto, mette in fila una serie di giri veloci che gli consentono di recuperare il gap e segna il giro più veloce. All’ultima tornata approfitta di un errore di Febvre e infine passa all’interno anche il leader del Mondiale Tim Gajser, andandosi a prendere la seconda piazza.

La rincorsa in classifica

In gara 2 migliora la sua partenza, da ottavo divora alcune posizione, ma si ritrova imbottigliato nel traffico. Al terzo giro è quarto, ma ci mette un po’ per sorpassare il compagno di squadra Jorge Prado e va a prendersi il gradino più basso del podio. Il prossimo appuntamento è in programma fra dieci giorni a Riola Sardo, dove Tony Cairoli potrà contare sul fattore campo per avvicinarsi alla testa della classifica. “Oggi mi sono sentito più a mio agio già dalle prove cronometrate, che ultimamente sono state difficili per me e che rendono più difficili anche le partenze. Sono andato un po’ troppo largo alla prima curva in entrambe le manche e ho dovuto usare molta energia per rimontare. Nel complesso sono contento: la velocità c’è e la forma fisica c’è, ora devo solo capire come migliorare le partenze e cercare di stare più vicino ai primi”.

Terzo posto in classifica mondiale, Tony Cairoli ha un distacco di 29 punti da Tim Gajser. Per puntare al titolo iridato serve un ulteriore step. “È bello finire sul podio ma voglio di più. Mi piace molto la pista in Sardegna, anche se con la gara in un giorno solo non sarà molto bucata ma farà caldo, il che è positivo per me. Spero che potremo avere un po’ di pubblico perché il motorsport è piuttosto importante lì.”

Tony Cairoli