Schianto terribile, piloti salvi per miracolo: “Ho un angelo custode” (VIDEO)

Un incidente terrificante quello che ha visto coinvolte ben sei monoposto nelle qualifiche della W Series a Spa-Francorchamps

L'incidente durante le qualifiche della W Series a Spa-Francorchamps
L’incidente durante le qualifiche della W Series a Spa-Francorchamps (Foto Twitter/beitskevisser)

Un incidente realmente da brividi quello che ha coinvolto ben sei monoposto, nel leggendario e velocissimo tratto dell’Eau Rouge-Raidillon, durante un evento di contorno del Gran Premio del Belgio di Formula 1.

È avvenuto nel corso delle qualifiche della W Series, la categoria tutta al femminile. Ad innescare lo schianto è stata Sarah Moore, che ha perso il posteriore della sua vettura, sbattendo contro le barriere. Rapidamente l’hanno seguita le sue rivali che sopraggiungevano: Belen Garcia, Fabienne Wohlwend e Ayla Agren.

Peggio ancora è andata ad Abbie Eaton, colpita sul lato della vettura, che è decollata, e Beitske Visser, la cui macchina si è addirittura ribaltata su se stessa. Le immagini sono letteralmente spaventose, e mostrano i rottami delle auto ferme in pista, con gravi danni e detriti disseminati sull’asfalto.

Tutte le pilotesse vittime dell’incidente sono apparse visibilmente scioccate, al loro ritorno nella corsia dei box, e sono state sottoposte a controlli medici: due di queste, Agren e Visser, sono state addirittura trasferite precauzionalmente in ospedale. Entrambe, però, sono state per fortuna dimesse senza rivelare alcun grave infortunio fisico.

Beitske Visser, la ragazza che è rimasta più a lungo ricoverata, ha inviato successivamente un messaggio per rassicurare tutti gli appassionati via Twitter dopo il grande spavento: “Grazie per tutti i vostri messaggi”, ha scritto. “È stato molto pauroso, ma credo di aver avuto un angelo sulla spalla. Ho molto dolore, ma per fortuna nessuna frattura”.

Beitske Visser ricoverata in ospedale dopo l'incidente
Beitske Visser ricoverata in ospedale dopo l’incidente (Foto Twitter/beitskevisser)