MotoGP Silverstone, Bagnaia: “Quartararo e Marquez non preoccupano”

Bagnaia in grande fiducia per il weekend MotoGP a Silverstone. Anche Miller è ottimista dopo le prove libere di oggi in Gran Bretagna.

Pecco Bagnaia
Pecco Bagnaia (Getty Images)

È stato un buon inizio di weekend per Ducati a Silverstone. Il team ufficiale ha piazzato Jack Miller al secondo posto e Francesco Bagnaia al sesto, mentre Jorge Martin del team satellite Pramac è terzo nella classifica assoluta dei tempi delle prove libere.

L’obiettivo è battere Fabio Quartararo, primo oggi e ovviamente serio candidato per pole position e vittoria in gara. Il pilota della Yamaha ha una caviglia slogata per la caduta in FP2, però può correre e rappresenta il riferimento a Silverstone. In Ducati c’è fiducia di riuscire a sconfiggere il francese in questo fine settimana in Gran Bretagna.

LEGGI ANCHE -> MotoGP Silverstone, Joan Mir non soddisfatto: “Ecco cosa manca”

Bagnaia e Miller dopo le prove libere MotoGP

Miller è molto soddisfatto del livello mostrato oggi a Silverstone ed evidenzia che la Ducati Desmosedici GP è una moto capace ormai di adattarsi ovunque: «Rispetto al 2019, le condizioni dell’asfalto sono migliorate molto e questo è positivo anche in ottica di consumo delle gomme. Il mio feeling con la moto è migliorato parecchio e ciò evidenzia anche come la Desmosedici GP abbia fatto davvero grandi passi in avanti negli ultimi anni! Abbiamo davvero una moto fantastica, siamo sempre competitivi su ogni tracciato. Ora continueremo a lavorare sodo per cercare di migliorare ancora domani».

Anche Bagnaia è felice e ha grande fiducia per il proseguimento del GP di Gran Bretagna, non si preoccupa troppo degli avversari: «Sono davvero contento del lavoro che abbiamo svolto in questa prima giornata. Nella FP1 avevo sofferto un po’ la mancanza di grip, ma nel pomeriggio siamo riusciti a migliorare molto compiendo un importante passo in avanti con la moto. Oggi pomeriggio faceva particolarmente freddo e questo ha reso difficile compiere un time attack, perciò ho preferito non prendere troppi rischi. In ogni caso siamo sesti e questo è un segnale che stiamo facendo un ottimo lavoro. Quartararo e Márquez sono stati più veloci quest’oggi, ma non sono preoccupato. Sono convinto che domani saremo in grado di fare anche noi un altro grande passo in avanti».

Miller Jack
Jack Miller (Getty Images)