Pilota Moto2 sospeso dal team: la verità di Yari Montella

Il pilota della classe Moto2 Yari Montella salterà le gare di Silverstone e Aragon. La versione del rookie all’indomani della lettera ricevuta.

Yari Montella (foto Instagram)

Yari Montella non parteciperà al GP di Silverstone. Una decisione arrivata come un fulmine a ciel sereno, decisa dal team Speed Up che ha comunicato la scelta tramite lettera al suo giovane pilota salernitano. Anche per lui è stata una sorpresa e a questo punto resta incerto anche il suo futuro in squadra, nella sua prima stagione del Motomondiale dopo aver trionfato nel CEV lo scorso anno.

Con il team veneto era legato da un accordo triennale rinnovabile di anno in anno. Ma cosa è successo? “La squadra ha deciso di sospendermi per queste due gare – racconta Yari Montella al sito specializzato Corsedimoto.com -. Mi hanno inviato una lettera dicendo che secondo loro non ero ancora in buona forma fisica dopo l’infortunio. Sono fermo da un po’ e pensano che non sia ancora pronto. Nella lettera scrivevano che ero pericoloso per me stesso e per gli avversari. Fisicamente però sto bene: ovviamente il mio polso non è più mobile come una volta, nel senso che è leggermente bloccato, ma non è un fastidio”.

Una stagione da archiviare

Una stagione non particolarmente esaltante per Yari Montella, infortunatosi nelle prove libere di Le Mans: operatosi al polso destro ha dovuto saltare i Gran Premi di Francia, Italia, Catalogna, Germania e Olanda. Nel doppio round austriaco non ha rimediato buoni risultati. Ma trova ingiusta questa decisione del suo team: “Non mi considero pericoloso per gli altri come mi hanno detto. Hanno dovuto fermarmi per qualche altro motivo, o forse perché non potevo dare i risultati che volevano… Comunque abbiamo fatto quello che dovevamo fare”.

Il pilota salernitano ha sottolineato di aver superato regolarmente le visite mediche prima del doppio round austriaco. Ma non è stato sufficiente per la sua squadra. E adesso resta da capire cosa sarà del suo futuro in questa stagione. “Mi hanno detto che per la tappa di Misano dovrò presentare delle carte che diranno che sto bene. Ma non hanno detto che tornerò a Misano… È un po’ contorto, in teoria dovrei almeno finire l’anno… Vedremo come andrà a finire tutta questa storia, ma di certo non è stata grandiosa. Tuttavia, sono in contatto con il mio avvocato per capire la procedura… Non vedo l’ora che arrivi l’anno prossimo, perché per quest’anno non lo so… Pensiamo alla prossima stagione, sperando di trovare qualcosa, e vedere cose buone. Niente di concreto – ha concluso Yari Montella -, ma guardiamo dappertutto”.

Yari Montella (getty images)