MotoGP, team Petronas Yamaha: annunciato il sostituto di Morbidelli

Il team Petronas Yamaha SRT ufficializza chi sarà il pilota sostituto di Morbidelli, assente per infortunio, nelle prossime tre gare MotoGP.

Franco Morbidelli
Franco Morbidelli (Getty Images)

Franco Morbidelli dovrebbe rientrare in MotoGP solamente in occasione del gran premio di Misano, il 17-19 settembre. Intanto il team Petronas SRT ha annunciato chi lo sostituirà.

Sarà Cal Crutchlow a guidare la Yamaha M1 del pilota italiano nei due GP in Austria e in quello successivo in Gran Bretagna. Non è stata comunicata la sua presenza anche ad Aragon (10-12 settembre) forse perché si spera in un recupero anticipato di Frankie. Vedremo.

Per Crutchlow si tratta di un ritorno in MotoGP a meno di un anno dal ritiro. Dopo le tante stagioni in Honda, è stato ingaggiato da Yamaha come collaudatore. Aveva già guidato una M1, nel team Tech3, tra il 2011 e il 2013. La sua grande esperienza è di aiuto alla casa di Iwata per lo sviluppo della moto.

Nei prossimi gran premi, però, il pilota inglese dovrà guidare la versione 2019 e dunque non potrà dare granché indicazioni sullo sviluppo dato che il nuovo prototipo è differente. Comunque Cal è contento di tornare in gara: «È fantastico tornare a correre con Yamaha. Non vedo l’ora di gareggiare con Petronas SRT nei tre gran premi. Auguro a Franco una buona guarigione, spero torni forte dopo l’intervento al ginocchio. Sono sicuro che lo farà, perché ha guidato in modo fantastico negli ultimi due anni. Difficile fissare obiettivi, sarà importante capire la moto ed è possibile fare delle comparazioni utili, raccogliendo molti dati. Non vedo l’ora di tornare in griglia».

Anche il team principal Razlan Razali è contento di avere Crutchlow nella sua squadra nei prossimi tre GP, anche se ovviamente spera di riavere Morbidelli al più presto: «Dopo aver esaminato più opzioni, è stata una decisione collettiva presa con Yamaha quella di chiedere a Cal di sostituire Franco. È un pilota esperto e possiamo aiutare Yamaha. Sarà in grado di accumulare buon chilometraggio sulla nostra M1. Non abbiamo obiettivi reali in termini di risultati con lui. Faremo tutto il possibile per sostenerlo e farlo sentire a suo agio. Sono sicuro che è pronto per la sfida».

Crutchlow
Cal Crutchlow (foto Yamaha Racing)