MX2, Guadagnini fa paura e segue le orme di Cairoli

Mattia Guadagnini continua ad essere tra i protagonisti della MX2. L’italiano ha infatti vinto la prima manche e il GP di Repubblica Ceca.

Mattia Guadagnini (Facebook)
MX2 – Mattia Guadagnini (Facebook)

Abbiamo avuto il piacere di intervistare Mattia Guadagnini diverse volte in questi anni, anche quando non era ancora sulla bocca di tutti come ora. Un ragazzo serio, con la testa sulle spalle e soprattutto di un’umiltà disarmante. Insomma tutti gli ingredienti che servono per diventare un fuoriclasse.

Solo qualche settimana fa ci aveva raccontato di come si era ritrovato a condividere il team con il suo eroe di sempre: Tony Cairoli. Nell’intervista Mattia ci aveva raccontato anche del loro primo incontro quando lui era un bambino e soprattutto del rapporto d’amicizia che stava nascendo.

Guadagnini lotta intensa per il campionato

Quest’anno per Mattia era un anno molto importante perché avrebbe corso in MX2 con lo stesso team proprio di Tony Cairoli. Una sorta di investitura per lui, che viene visto da molti come il possibile erede proprio del fuoriclasse di Patti. Guadagnini ha affrontato questa nuova sfida senza alcun timore.

Ad oggi è in piena lotta per il Mondiale e in Repubblica Ceca ha fatto un vero e proprio show. In particolare ha vinto Gara 1 dominandola dall’inizio alla fine. Nella seconda manche, invece, per un eccesso di foga, nel tentativo di entrare in lotta con i primi tre ha commesso un errore che lo ha poi relegato al 5° posto.

LEGGI ANCHE >>> Guadagnini a TMW: “Cairoli è il mio idolo, sogno di emularlo” (VIDEO)

Grazie a questi risultati Mattia ha conquistato il Gran Premio ed ora insegue Renaux ad appena due lunghezze di distanza. Insomma italiani grandi protagonisti nel motocross. L’impressione è che il nostro tricolore ha un presente eccezionale e un futuro altrettanto roseo. Mattia infatti ha solo 19 anni.

Antonio Russo