Schumacher in trattativa con Alfa Romeo? La verità del boss Haas

Schumacher sostituirà Raikkonen 2022? Il capo della Hass Steiner chiarisce la situazione di mercato della sua squadra.

Mick Schumacher
Mick Schumacher (Foto Christian Bruna – Pool/Getty Images)

Stando alle voci interne al garage della Haas la formazione 2022 sarà la stessa di oggi. Dunque, nessuna novità e nessun inserimento da parte della Ferrari, quanto piuttosto un po’ di sana continuità che in un anno complesso come il prossimo in cui i piloti dovranno lottare con macchine decisamente lontane da quelle attuali potrebbe rivelarsi molto utile.

Di certo ci sarà Nikita Mazepin, il cui padre sta praticamente garantendo al team la sopravvivenza economica. “Il contratto è già stato firmato”, ha affermato il responsabile della scuderia Gunther Steiner, confermando che anche il title sponsor rimarrà in russo Uralkali portato proprio dal 22enne.

Anche Schumacher destinato a restare

Salvo anomali e improbabili colpi di scena pure Mick proseguirà nell’equipe statunitense. Autore finora di una stagione di debutto nel complesso discreta considerato il mezzo che ha tra le mani e che, ricordiamo, è completamente fermo nello sviluppo, il figlio di Michael si è difeso, battendo spesso il vicino di box e sbagliando poco.

“Ci sono alcuni dettagli che devono essere discussi”, ha spiegato l’ingegnere meranese. “Si tratta di un accordo con tre parti, dato che lui ne ha uno con il Cavallino. In generale resta da limare qualche aspetto, ma ci arriveremo”.

In poche parole nessun passaggio all’Alfa Romeo come invece sostenuto da alcuni insider nelle passate settimane e neppure all’Alpha Tauri come si sarebbe auspicato l’ex patron del Circus Bernie Ecclestone.

Per avere una risposta definitiva ci sarà da aspettare ancora qualche giorno, visto che il tedesco ha chiesto espressamente di non essere distratto dall’impegno in circuito, rimandando la questione al dopo Ungheria.

“Al momento sono concentrato solamente sulle gare, ma durante la pausa estiva penserò al futuro”, avrebbe detto a Silverstone il 22enne, perennemente sotto i riflettori per il suo cognome pesante.

Haas (©Getty Images)

Chiara Rainis