Fabio Quartararo: “Adesso guido come un animale”

Fabio Quartararo spiega come si è dovuto adattare alla nuova Yamaha M1. Dopo nove gare è il super favorito per il titolo mondiale.

Fabio Quartararo (getty images)

Il leader della MotoGP Fabio Quartararo si sta godendo giorni di meritato relax a Saint-Tropez con gli amici più intimi e qui ha incontrato anche il pilota di rally Dani Deaf. Il francese ha il morale alle stelle dopo aver chiuso la prima parte di campionato in testa alla classifica e con un discreto vantaggio sugli inseguitori.

Nelle prime nove gare ha ribadito non solo di essere veloce sul giro secco, ma anche di essere competitivo in gara e su ogni tracciato. Merito di una Yamaha M1 che ha compiuto dei sensibili passi avanti, soprattutto in termini di telaio ed elettronica. Fabio Quartararo ci ha messo anche del suo, cambiando stile di guida per esprimere al meglio il potenziale della moto, oltre a giocare sulla sua psiche durante la pausa invernale. Inoltre può vantarsi di essere l’unico pilota della MotoGP ad aver totalizzato punti in tutte le gare che si sono disputate dal primo Gran Premio in Qatar.

Uno stile diverso

In un’intervista rilasciata ad Autosport.com ha ammesso di non guidare la moto in modo naturale per il suo stile, essendo costretto ad uno stile molto aggressivo per poter sfruttare la velocità al massimo. “Penso che ogni pilota debba adattarsi alla sua moto”, ha spiegato il pilota di Nizza. “Guido in modo diverso rispetto all’anno scorso, non è così naturale, ma funziona bene. Sento il limite, sento di poter andare molto forte e per ora penso di fare alla grande”.

Merito anche del telaio più vicino a quello del 2019 con cui ha avuto un feeling ottimale. “La sensazione è simile a quella che avevo nel 2019 quando ero super concentrato sulla moto. Di solito io sono un pilota che ha una velocità molto elevata in curva – ha aggiunto Fabio Quartararo – e ora cerco di essere più simile a un animale, frenando super tardi, cerco di gestire la moto in un modo un po’ diverso”.

LEGGI ANCHE -> MotoGP, ecco la carta vincente della Yamaha YZR-M1

Fabio Quartararo (getty images)