SBK, Scott Redding: “Non so cosa stia succedendo”

Scott Redding cade in Gara 1 a Donington Park. Uno scivolone che rischia di compromettere la corsa al titolo mondiale.

Scott Redding (foto Instagram)

Scott Redding cade al secondo giro del primo round di Donington e vede allontanarsi la testa della classifica adesso a +65. Sul circuito inglese la sua Ducati Panigale V4R non è mai entrata a regime e stavolta il problema coinvolge tutti i piloti del marchio. Un allarme che costringe a correre ai ripari in vista della Superpole Race e di Gara 2 della domenica.

Ai dubbi sul setting della moto si aggiungono le preoccupazioni per un titolo che rischia di svanire anzitempo. “Sto bene, la caduta mi ha solo scosso un po’”, ha detto un deluso Scott Redding. “Qui non ho lo stesso feeling di quello che ho con la Ducati. Non funziona in modo naturale, devo lottare con la moto, sia se è asciutto o bagnato. Sono caduto perché volevo fare qualcosa che la moto non avrebbe fatto”.

Redding senza feeling

Nel primo round di Donington il miglior pilota Ducati è Axel Bassani decimo. A Borgo Panigale si cerca di trovare una soluzione nell’immediato per provare a mettere una pezza ad un fine settimana iniziato tutto in salita. “Ho faticato con il grip e davvero non so cosa stia succedendo in questo momento. Di solito sono veloce sul bagnato, ma qui è stato come essere sul ghiaccio e sono stato superato ovunque”, ha spiegato Scott Redding. “Per me è difficile: con l’assetto si va in una direzione, poi si torna nell’altra. Quindi non entri nel tuo ritmo. È dura su questo percorso se non hai grip sulla ruota posteriore. Quando accelero in curva rischio di cadere”.

Domenica proverà a raccogliere punti preziosi per la classifica e a limare il gap in classifica, ma serve un impegno da parte di tutta la squadra. “Devo pensare alle gare di domenica. Andare su una moto con cui non ti senti a tuo agio non è una bella situazione. Ho fiducia nella mia squadra e sono sicuro che metteranno insieme qualcosa per me per rendere il mio lavoro un po’ più semplice”.

Scott Redding (foto Instagram)