Aleix Espargarò detta la linea per lo sviluppo dell’Aprilia

Aleix Espargarò chiude la prima parte del Mondiale all’8° posto con Aprilia. Primo bilancio stagionale tra alti e bassi.

Aleix Espargaro e Marc Marquez ad Assen (foto Instagram)

Aleix Espargarò chiude la prima parte del campionato con sensazioni contrapposte. Da un lato è soddisfatto per l’evoluzione della RS-GP21 che gli permette di restare nel gruppo degli inseguitori su ogni circuito. Dall’altro vuole compiere un ulteriore step in avanti per ambire al primo podio con Aprilia. Ha raccolto 61 punti in nove gare che gli permettono di essere 8° in classifica piloti, ma ancora deve raggiungere una top-5-

Nell’ultima gara ad Assen ha dovuto fare i conti con Pecco Bagnaia e Marc Marquez, rendendosi conto su cui la casa di Noale deve ancora migliorare. “Nelle gare andiamo sempre avanti e indietro tra la sesta e l’ottava posizione. Sono contento del ritmo di gara. Ma c’è anche un po’ di frustrazione. Mi sento pronto per un podio. Posso sorpassare in gara, ma il mio motore è limitato. Ero molto più forte di Bagnaia. Ma poi ero per lo più bloccato dietro di lui. A metà gara e alla fine sono rimasto bloccato dietro ad alcuni piloti”.

Quando gira da solo Aleix Espargarò riesce ad impostare il suo ritmo, ma al momento di dover compiere un sorpasso nascono le difficoltà insite nella RS-GP. “Siamo soddisfatti. Siamo all’8° posto in campionato con 61 punti. Veniamo da lontano, dobbiamo anche approfittarne. Ma dobbiamo migliorare il lato motore. Durante le vacanze farò due o tre gare di moto. Poi mi rilasserò un po’ e passerò un po’ di tempo con la mia famiglia. È il modo migliore per rilassarsi. Spero di ricevere sempre aggiornamenti perché siamo molto vicini alla vetta”.

Aleix Espargaro sul circuito di Assen (foto Aprilia)