Quartararo ha già vinto il titolo? Valentino Rossi, così fa male! L’analisi

Quarto successo in campionato per Quartararo, che ad Assen si è scoperto privo di avversari per la corsa al titolo

Fabio Quartararo, dominatore in Olanda (Photo by Mirco Lazzari gp/Getty Images)

Era lui l’uomo da battere e stavolta ad Assen non si è lasciato sfuggire l’occasione per portare a casa l’ennesimo successo di una stagione che potrebbe portarlo sul tetto del mondo. Fabio Quartararo ha fatto gara a sé in Olanda e la classifica ora parla chiaro.

Fuga Mondiale per Quartararo. E nessuno lo segue

I numeri la dicono tutta sul dominio del francese: quattro vittorie, due terzi posti e primo posto in solitaria nella generale. Johann Zarco, secondo, è distante 34 punti, ben 47 Pecco Bagnaia, ora terzo. Questo vuol dire che Quartararo sembra essere l’unico indiziato per la vittoria finale per mancanza di avversari.

Oggi c’ha provato a inizio gara proprio Bagnaia a rompergli le scatole, spezzandogli il ritmo per non permettergli la fuga, ma è durato poco, vista anche la penalità che lo ha relegato in sesta posizione. La sensazione è che ormai la Yamaha punti tutto su di lui e così sarà dura andarlo a prendere. Proprio perché gli altri fanno a gara a tirarsi indietro sul più bello.

Zarco, ancora una volta la migliore Ducati, è solo quarto. Ma non sembra poter lottare mai seriamente per il successo. Maverick Vinales? Bella sorpresa oggi dopo l’ultimo posto al Sachsenring, ma è solo un gran premio positivo dopo una serie nera. Servono ben altre controprove per accertarne il ritorno ad alti livelli. Joan Mir? Terzo e finalmente sul podio, ma ormai lo spagnolo della Suzuki è da tempo fuori dai giochi per la riconferma come campione del mondo.

Jack Miller? Disperso, proprio come le Rosse di Borgo Panigale. Insomma Quartararo ha la strada spianata verso il campionato. Solo lui stesso può farsi del male.

Marquez torna sulla terra, Rossi a terra e basta

Continua la crescita di Marc Marquez ma, come previsto, ad Assen lo spagnolo, reduce dall’incredibile trionfo del Sachsenring, è tornato a prestazioni più in linea con il momento che sta passando, sia a livello fisico che tecnico. La Honda non è tra le moto più performanti ora e lo si è capito anche in Olanda. Il settimo posto ora è il massimo che può ottenere.

Ancora una volta fuori Valentino Rossi. una caduta “inspiegabile”, o forse sì, visto che dopo una partenza da lumaca si è ritrovato a rincorrere la top ten, che era alla sua portata. E alla fine ha pagato lo foga eccessiva con l’ennesima uscita di scena della stagione. Ora la pausa estiva: un risultato positivo ad Assen magari poteva farlo riflettere di più sul suo futuro, ma così sembra quasi che il destino voglia tenerlo fuori definitivamente dai giochi. Il ritiro sembra essere sempre più vicino, così fa male.

LEGGI ANCHE —> MotoGP Assen: Quartararo fa gara a parte, disastro di Valentino Rossi

Valentino Rossi in pista sulla Yamaha al Gran Premio d'Olanda di MotoGP 2021 ad Assen
Valentino Rossi in pista sulla Yamaha al Gran Premio d’Olanda di MotoGP 2021 ad Assen (Foto Petronas)