Marquez: “Cosa ho imparato dall’anno più duro della mia vita” (VIDEO)

Marc Marquez riflette sull’anno dell’infortunio che lo ha costretto ad una lunga inattività e poi ad un rientro in pista molto faticoso

Tornato alla vittoria al Gran Premio del Sachsenring, Marc Marquez riflette sull’anno dell’infortunio al braccio destro che lo ha costretto ad una lunga inattività dalla MotoGP e poi ad un rientro in pista molto faticoso, che non si è ancora concluso.

Marc, nel tuo lungo rientro dall’infortunio ti sei ispirato ad altri atleti di altri sport?
Il processo di riabilitazione è stato davvero lungo e sto ancora faticando molto con il braccio destro. Certo, cerco di trovare motivazioni e qualche riferimento. Una delle persone con cui ho parlato, cercando di capire la sua situazione, è Mick Doohan a causa del suo grave infortunio nel 1992, da cui è tornato nel 1993. Ha lottato molto. Ho parlato al telefono con lui per cercare di ascoltare e capire i suoi problemi e conoscere la sua esperienza. Mi ha aiutato molto. Un altro atleta a cui ho cercato di ispirarmi è stato Rafa Nadal. In una fase della sua carriera, la gente pensava che potesse ritirarsi perché le sue ginocchia non erano in buone condizioni. Alla fine è tornato e ha vinto di nuovo. Quindi devi prendere i punti di riferimento giusti e provare a copiarli.

Quanto è stato importante per te correre sulla pista che ami in un momento così cruciale della stagione?
Il Sachsenring è stato un buon circuito per me, un buon layout. Normalmente sulle curve a sinistra vado davvero forte, visti i miei allenamenti in flat track e le caratteristiche della nostra moto. Quest’anno sento che la differenza tra il Sachsenring e gli altri circuiti è ancora più grande, perché essendoci più curve a sinistra, sento meno dolore al braccio rispetto alle curve a destra. C’è stata una grande differenza. È vero che durante la mia carriera al Sachsenring ho vinto molte volte e, quando arrivo lì, il layout si adatta bene al mio stile di guida e inoltre ho più fiducia. Quella del Sachsenring è stata una delle vittorie più importanti della mia carriera, per il momento in cui eravamo, in cui siamo e in cui vogliamo arrivare. Quando sei in un momento difficile e ricevi una grande ricompensa, come una vittoria, questo aiuta molto. Così è stato sia per me stesso che per la squadra e gli ingegneri Honda. È stata una vittoria di cui il mio corpo aveva bisogno. Sono davvero felice e davvero orgoglioso.

Quanto sei rimasto impressionato dei miglioramenti compiuti dai tuoi avversari nel frattempo?
Quando rimani per un anno lontano dalla migliore competizione motociclistica, senti che tutti gli altri costruttori e piloti hanno continuato a migliorare, sono ancora più veloci. Ogni anno il livello crescere. Loro sono più veloci e io sono più lento, questo rende la situazione più difficile. Ma passo dopo passo dobbiamo lavorare. Ogni pista è diversa dall’altra. Al Sachsenring ho sofferto molto e, nelle gare future, potrei faticare ancora. Il mio obiettivo è che il 2021 sia un anno di transizione. Provo a ritrovare il feeling e a commettere gli errori stupidi quest’anno, e nel 2022 arriverà il momento di alzare il livello.

L’infortunio e la pandemia hanno cambiato il tuo modo di pensare alle corse e alla vita in generale?
L’infortunio più duro della mia carriera è coinciso con un anno difficile per il mondo: il 2020, con il Covid-19. Ho imparato molte cose: che devi goderti la vita, occuparti di molte cose ma, se puoi fare qualcosa oggi, non aspettare domani. L’altro lato ovviamente che ho imparato è che dobbiamo prenderci cura del nostro corpo. Se ti prendi cura del tuo corpo durante la vita, puoi fare molte cose.

Marc Marquez dopo la vittoria al Gran Premio di Germania di MotoGP 2021 al Sachsenring
Marc Marquez dopo la vittoria al Gran Premio di Germania di MotoGP 2021 al Sachsenring (Foto Gold & Goose/Red Bull)

LEGGI ANCHE —> Le parole di Doohan che hanno stimolato Marquez: “Che cosa gli ho detto”