Superbike, Chaz Davies: Misano è stato un disastro

Zero punti nel week-end di Misano per Chaz Davies. In gara-2 costretto a ritirarsi per un dolore alla spalla e al braccio.

Chaz Davies
Chaz Davies (foto Instagram)

Per Chaz Davies il week-end di Misano si è rivelato un autentico disastro. Zero punti nelle tre gare della gara di casa, un ribaltamento di situazione dopo le buonissime prestazioni precedenti, con un podio conquistato all’Estoril. Ben due cadute nella prima manche e nella Superpole Race, poi è dovuto rientrare ai box in gara-2 per un dolore alla spalla. Un disastro. Ironia della sorte, per l’ex del team Go Eleven Michael Rinaldi è stato uno dei fine settimana più prestigiosi della sua carriera, con due vittorie e un podio.

16° posto nelle sessioni di prove libere, il 10° posto nella Superpole non è stato nemmeno la migliore posizione di partenza per le prime due gare. Chaz Davies era 7° dietro al pilota della BMW Tom Sykes in gara-1 prima di cadere alla curva 4 al 12° giro. “All’inizio era abbastanza ok, ma poi ho avvertito delle vibrazioni e ho avuto problemi in alcune aree”, ha spiegato il pilota gallese del team Go Eleven. “Ho provato a tenere duto in qualche modo, ma devo ammettere che non ci sono riuscito. Quindi stavo cercando di ottenere un buon ritmo quando sono caduto. Sono più dispiaciuto per la mancanza di feeling con la moto che per la caduta”.

Nella gara sprint ha rimediato una botta al braccio e alla spalla destra, ben più grave di quanto inizialmente previsto. “Il mio inizio è stato buono. Sono entrato dalla curva 1 alla curva 2 e non mi aspettavo che Mahias decelerasse così tanto. Ho preso la sua ruota posteriore, sono caduto e sono atterrato molto forte sulla mia spalla”. Nella seconda manche di domenica pomeriggio “nelle curve a destra, e ce ne sono alcune a Misano, non avevo forza. Quando il dolore è peggiorato sempre di più dopo pochi giri e avevo sempre meno controllo della moto, non aveva senso continuare”.

Chaz Davies
Chaz Davies (foto Instagram)