MotoGP, Luca Marini deluso ma felice in Catalunya

Luca Marini 19° in griglia di partenza. Non certo un buon risultato, ma il rookie di Tavullia vede risvolti positivi in questo Gran Premio.

Luca Marini

Luca Marini deluso del risultato ma felice per il feeling con la sua Ducati Desmosedici GP19 al termine delle qualifiche. Costretto alla Q1 dopo le FP3 del mattino e alle prese con il poco grip della pista catalana, il pilota dello Sky VR46 Avintia ha chiuso al 19° posto con un gap di 7 decimi dall’accesso alla seconda manche di qualifiche. Non certo un buon risultato per il vicecampione Moto2, ma il fratello di Valentino Rossi trova dei punti positivi in questo sabato al Montmelò.

A cominciare dai due GP consecutivi su due piste diverse, consentendogli di spingere al limite pur riconoscendo i limiti tecnici di una moto certamente diversa da quella in dotazione al  team factory e Pramac. “Ad esclusione della posizione di partenza sulla griglia, devo dire di essere contento di aver fatto due gare in due weekend consecutivi: questo mi ha aiutato a portare la moto al limite, a riuscire a lavorare bene con le gomme e mi sono divertito in pista. I tempi di oggi non sono il massimo, ma è quello che posso fare al momento. Ho guidato bene, non ho commesso errori, ma non avevo grip al posteriore, soprattutto a destra, una cosa mai successa nei turni precedenti”.

Luca Marini è soddisfatto di quanto sta facendo e del lavoro svolto ai box con i suoi uomini. Nelle prossime gare proverà a raccogliere risultati migliori, sperando in condizioni più favorevoli. “Siamo partiti bene ieri, eravamo nella scia dei più forti e oggi tutti hanno fatto un grande step in avanti – ha spiegato Ruben Xaus -. La classifica è davvero cortissima: dalla Top10 alla P19 ci sono pochi decimi. Domani sarà una gara molto dura e abbiamo il ritmo per giocarci la Top15. Non dobbiamo fare errori, se farà caldo dobbiamo essere bravi a gestire l’avantreno e a sfruttare le situazioni”.

Luca Marini