Ferrari sotto pressione: ecco la richiesta di Domenicali

Il CEO della F1 Domenicali ha dato l’avvio alla campagna di ringiovanimento della serie e adesso chiede aiuto alla Ferrari.

Stefano Domenicali e Charles Leclerc (©Getty Images)

In occasione del GP di Silverstone assisteremo per la prima volta a quella che in un futuro prossimo potrebbe diventare la prassi. Nel weekend inglese, i piloti sperimenteranno la gara sprint in sostituzione della classica sessione di qualifica del sabato pomeriggio. Una novità introdotta con un obiettivo ben chiaro, ovvero rendere la competizione più incerta e combattuta. “Stiamo pensando ad un bonus  punti per chi centra il grande slam, ossia pole position, vittoria nella Sprint Race e nel GP di domenica”, ha spiegato a La Gazzetta dello Sport il patron Stefano Domenicali.

Un esperimento, questo, che se dovesse andare in porto e riscuotere successo nelle tre repliche del 2021 verrà applicato con costanza già nel campionato venturo. “Si tratta di una formula che offre più contenuti per le televisioni e che permette agli organizzatori di spalmare l’interesse su più giorni”, ha quindi argomentato minimizzando il rischio di snaturare la serie.

Il Circus si aggrappa alla rimonta del Cavallino

Rivedere il format del fine settimana però potrebbe non bastare per centrare il target seguito più ampio e composito. Non va dimenticato che pure molti tifosi della prima ora, annoiati dalla ripetitività del dominio Mercedes, si sono allontanati nel corso delle ultime stagioni.

Dunque, l’augurio unanime è quello di rivedere la scuderia di Maranello, la più amata al mondo, forte con un tempo e capace di lottare costantemente per la vittoria. “Una Ferrari competitiva sarebbe di grande aiuto all’intera F1, non solo per l’italianità del marchio ma anche per il ruolo sul grande pubblico. Al di là di quanto accaduto a Leclerc, quanto visto a Montecarlo fa ben sperare”, ha chiosato facendo capire quanto importante sia avere una rossa davanti

Carlos Sainz in pista nel Gran Premio di Montecarlo di F1 2021 a Monaco
Carlos Sainz in pista nel Gran Premio di Montecarlo di F1 2021 a Monaco (Foto Studio Colombo/Ferrari)

Chiara Rainis