MotoGP, Alex Marquez: “Questo risultato è bugiardo”

Alex Marquez 6° a Le Mans e miglior pilota del marchio Honda. Ma il risultato può essere bugiardo e attende conferme al Mugello.

Alex Marquez
Alex Marquez (getty images)

La speranza di Alex Marquez è che la sua stagione inizi per davvero dal sesto posto di Le Mans, miglior pilota del marchio al traguardo. Insieme ai fratelli Espargarò è il pilota che riportato più cadute nei primi cinque Gran Premi, a quota 7, ma stavolta nella gara flag to flag sul circuito Bugatti il risultato ha offerto un grande risultato. Il pilota LCR Honda sottolinea però come questo 6° posto non rifletta le reali prestazioni della sua moto in un fine settimana, ma lo aiuterà a lavorare per essere più competitivo nei prossimi Gran Premi.

A partire dal prossimo round al Mugello dove cercherà di riconfermare le buone sensazioni dell’ultimo fine settimana. “In gara siamo stati in grado di ribaltare la situazione e abbiamo apportato modifiche che hanno funzionato. Non sono contento del fine settimana, ma del risultato, ma non è realistico”. La vera svolta è avvenuta solo quando ha iniziato a piovere con i piloti costretti a rientrare ai box per salire sulle moto da bagnato. “Alla fine la pista era troppo asciutta, sarebbe stato possibile guidare con le slick, ma non c’era abbastanza distanza di gara. Penso che sia stata la decisione giusta in quel momento. Successivamente Petrucci e Bagnaia mi hanno superato con il posteriore medio, non ho avuto modo di sorpassarli diritto perché la gomma è calata”.

Il primo problema da risolvere

Nei prossimi appuntamenti Alex Marquez spera di ritrovare le buone sensazioni in ingresso curva, che prima del GP di Le Mans sono venute a mancare. “Non sono contento di tutto il weekend. Abbiamo avuto problemi con la moto, non mi sentivo bene. Questo risultato ci motiva a continuare al Mugello, ma come Assen, non sono circuiti come Le Mans. In ogni caso, abbiamo ancora molto lavoro da fare sulle piste asciutte. Non mi sento bene come nel 2020 all’ingresso delle curve. Dobbiamo capire perché è così, quindi forse saremo più competitivi fin dalle FP1”.

La Honda RC213V non sembra migliorata nell’ultimo week-end, quindi i tecnici HRC hanno ancora molto lavoro da fare in vista del proseguimento di Mondiale. “Non c’è stato un netto miglioramento rispetto a ieri. Abbiamo approfittato dell’opportunità e delle condizioni esistenti. La nostra performance è stata simile. Abbiamo avuto una sensazione molto brutta nel warm-up con molta acqua ed è qualcosa di strano perché in quelle condizioni abbiamo buone sensazioni. In gara siamo stati in grado di ribaltare la situazione e abbiamo apportato modifiche che hanno funzionato”.

LEGGI ANCHE —> Dovizioso conclude il secondo test: “Ora con Aprilia dovremo parlare”

Alex Marquez (getty images)