MotoGP, un nuovo circuito spagnolo sogna l’ingresso nel calendario

Entro fine maggio l’ok di FIM e FIA per la costruzione di un circuito nell’Isola di Tenerife, in Spagna. L’obiettivo futuro è far correre la MotoGP.

Circuito Tenerife
Circuito di Tenerife

Dorna Sports e Liberty Media sono sempre pronte a valutare eventuali nuovi ingressi nei calendari di MotoGP e Formula 1. Anche se il numero di gran premi adesso è già molto alto e i piloti preferiscono che non aumenti.

Intanto sorgono nuovi tracciati in giro per il mondo. Negli ultimi giorni dalla Spagna è giunta notizia che a breve dovrebbe essere dato l’ok alla costruzione del circuito Bren Cabildo Insular ad Atogo, nell’Isola di Tenerife (Spagna). Serve il via libera di FIM e FIA per poter avere il via libera ai lavori e ricevere la pre-omologazione necessaria per ospitare MotoGP e F1.

Come spiegato da Gazzetta.it, l’omologazione finale arriverà solamente quando l’opera sarà completata. Il Governo locale ha consegnato il disegno finale alle due Federazioni e adesso attende una risposta entro fine maggio.

LEGGI ANCHE -> MotoGP 2021, cancellato un Gran Premio dal calendario: scelto il sostituto

MotoGP, nuovo gran premio in Spagna in futuro?

Il progetto è stato ideato dal designer abruzzese Adamo Leonzio. Rispetto al disegno iniziale, sono state apportate alcune modifiche per migliorare il livello di sicurezza. Beppe Muscioni e Franco Uncini, ispettori delegati rispettivamente di FIA e FIM, hanno avuto modo di segnalare gli interventi da fare e adesso manca l’ok finale al progetto riveduto per cominciare concretamente i lavori di costruzione.

Le due Federazioni devono concludere le simulazioni: c’è un sistema elettronico che viene applicato sui progetti da valutare. Tramite esso vengono stabilite le velocità di percorrenza, le vie di fuga di ogni curva e la forza degli impatti che possono verificarsi. Se tutto procederà liscio, entro fine maggio ad Atogo potrà essere posata la prima pietra del circuito Bren Cabildo Insular.

Il Governo locate ha chiesto l’omologazione di Grado 2 più 1T per quanto riguarda le competizioni automobilistiche. Questo significa che per la Formula 1 c’è la possibilità di effettuare test, ma non gare. Per ospitare gran premi è necessaria l’omologazione massima. Per quanto concerne le competizioni motociclistiche, è stata richiesta l’omologazione del Grado B più AT per consentire di svolgere sia test che gare MotoGP.

Al momento sull’Isola di Tenerife sembra esserci l’intenzione di entrare in futuro nel calendario del Motomondiale, mentre per la F1 non ci sono dei piani adesso.

Il circuito occuperà 350 mila metri quadrati. La pista misurerà 4.068 metri complessivi con un rettilineo principale di 819 metri e 16 curve totali (11 a sinistra e 5 a destra).

In Spagna questo non è l’unico tracciato progettato e che dovrebbe sorgere entro pochi anni. Infatti, va ricordato che anche a Madrid stanno progettando di realizzare un circuito entro il 2023.