Bagnaia mette tutti in guardia: “Marquez può ancora lottare per il titolo”

Francesco Bagnaia è pronto a difendere con le unghie il primato in classifica, ma è consapevole che dovrà vedersela anche con Marquez.

Bagnaia (GettyImages)
Bagnaia (GettyImages)

Il campionato 2021 è stato sicuramente da incorniciare sin qui per Bagnaia. Il rider italiano pur non riuscendo ancora ad ottenere una vittoria, grazie a tanti buoni piazzamenti è attualmente il leader della classifica. Una posizione di assoluto prestigio che lui spera di tenere sino alla fine di questa stagione.

Non sarà semplice perché la concorrenza è tanta. Pecco però ha già dimostrato di aver fatto enormi passi in avanti, anche se deve ancora crescere sotto alcuni punti di vista. In particolare nella gestione delle gomme, cosa che non gli ha permesso ancora di vincere una gara in MotoGP.

Bagnaia: “Sul bagnato la moto va forte”

Durante la consueta conferenza stampa del giovedì Bagnaia ha così parlato della propria leadership in campionato: “Sono leader da soli 10 giorni, è bello ed è piacevole, ma è ancora troppo presto per pensarci. Abbiamo fatto 3 podi qui, ho vinto in Moto2, è una gara che mi piace. Sono pronto a correre qui, ma dovremo vedere come sarà il meteo. Nella mia carriera ho fatto solo 6 gare sul bagnato”.

Il rider della Ducati ha poi proseguito: “L’anno scorso nella seconda parte di gara ho faticato. Sul bagnato la nostra moto è molto forte, ma è complicato con queste gomme. Dobbiamo aspettare domenica per capire se possiamo essere competitivi come a Jerez. Per me non è semplice tornare dopo 9 mesi e guidare come sta facendo Marquez. Io quando sono tornato nei test dopo 3 mesi ho avuto le peggiori sensazioni che ho mai provato su una moto”.

LEGGI ANCHE >>> “Joan Mir sente la pressione”: Schwantz dà un consiglio al campione

Infine Bagnaia ha così concluso: “Qualora dovesse piovere sarebbe sicuramente meglio per Marc visto che ha anche due gare alle spalle. Secondo me se dovesse cominciare ad andare forte potrebbe ancora rientrare nella lotta per il titolo. Noi voglio migliorare nella gestione delle gomme”.

Antonio Russo