Aleix Espargarò aveva pensato al ritiro: il racconto del pilota Aprilia

Non sono stati anni facili quelli di Aleix Espargarò in Aprilia. Il pilota spagnolo era arrivato a pensare di salutare la MotoGP.

Aleix Espargaro
Aleix Espargarò (Getty Images)

Quello 2021 sembra essere finalmente il campionato della svolta per Aprilia in MotoGP. I risultati di Aleix Espargarò nelle prime gare sono stati positivi e fanno avere fiducia per il futuro.

La casa di Noale ha svolto un grande lavoro per realizzare una RS-GP davvero competitiva. Missione compiuta, anche se non mancano gli aspetti da sistemare per produrre ulteriori miglioramenti che la avvicinino alle moto migliori. L’azienda veneta sa di non potersi adagiare, perché la concorrenza nel frattempo lavora a sua volta per fare progressi.

LEGGI ANCHE -> Giacomo Agostini dà ragione a Marc Marquez: “Ormai si esagera”

Aleix Espargarò e le rivelazioni sulla sua carriera

Espargarò al podcast Last on the Brakes ha raccontato di aver vissuto momenti difficili e di aver anche pensato all’addio alla MotoGP: «Quando sono arrivato in Aprilia ho dovuto lottare molto. Due anni fa, prima dell’arrivo del Covid-19, ho seriamente pensato di ritirarmi oppure di andare in Superbike e provare altre cose. Non mi stavo divertendo. Avevo 29 anni e piangevo ogni lunedì quando rientravo a casa. Essere un pilota MotoGP è la mia passione, però la vita è breve e non me la stavo godendo».

Aleix spiega che l’arrivo di Massimo Rivola come amministratore delegato di Aprilia Racing ha dato una svolta decisiva: «Avevo pensato di non continuare, poi con l’arrivo di Rivola le prospettive hanno iniziato a cambiare un po’. Aprilia ha iniziato ad organizzarsi in maniera diversa, si è cominciato a lavorare di più e io sto finalmente vedendo la luce in fondo al tunnel. L’approccio di quest’anno è un’altra storia e mi sto divertendo. Ho la passione e la felicità del rookie. Sapere di poter lottare per buone posizioni è diverso, diventa molto più facile per la mente. È complicato sapere che finirai quindicesimo, ho sofferto molto negli anni scorsi».

Il pilota spagnolo è fiero di quanto sta raccogliendo con la casa di Noale in MotoGP dopo delle stagioni decisamente faticose, e non nasconde la voglia di crescere ancora: «Poter combattere con i marchi migliori mi rende orgoglioso del lavoro che abbiamo fatto. Sono felice di me stesso e delle persone che ho attorno. Se riusciremo a portare Aprilia sul podio e a lottare per vincere in alcune gare sarà incredibile. Aprilia crede molto in me, mi ritiene importante e mi supporta sempre. Questo mi dà forza».