Ricciardo può ancora vincere o è arrivato alla fine?

Le prime tre gare con la McLaren non hanno rispettato le attese. Per Ricciardo ci sono ancora delle chance?

Daniel Ricciardo (©Getty Images)

Settimo della generale con 16 punti contro i 37 del compagno di squadra Norris, terzo alle spalle di Hamilton e Verstappen, Daniel Ricciardo non ha finora incontrato le attese. Non ha rispettato le premesse, per cui, sin dal pronti e via avrebbe dovuto essere lì a battagliare per il podio con il collega di marca.

Dopo tutto, fino a non poco tempo fa, il suo cachet annuale toccava cifre da campione del mondo e quando si guadagna tanto, si sa, ci si aspetta anche molto. Dal canto suo il boss della McLaren Andreas Seidl ha cercato di giustificarlo, ma se nelle gare a venire l’australiano dovesse proseguire a “prenderle” dal giovane Lando, questo potrebbe essere davvero il canto del cigno circa le sue possibilità di dire la sua a livello iridato.

“Non riesce ancora a spingere la vettura al limite, ma sicuramente ha fatto dei passi avanti a Portimao nonostante la delusione vissuta in qualifica”, le parole del dirigente tedesco che ha ribadito come al momento sia essenziale stargli vicino per migliorare il suo feeling con la MCL35M. “Non si tratta di un sforzo che viene richiesto solamente al pilota, ma anche alla scuderia. Dobbiamo capire come aiutarlo con gli aggiornamenti che porteremo”.

Il primo punto d’affrontare è l’assetto visto che, come lo stesso driver di Perth ha rivelato, i problemi si concentrano soprattutto sulla frenata.

Frustrazione e paura di aver perso l’occasione

Non più giovanissimo e ormai esperto, Honey Badger sente di essere ad un bivio. Fallire con l’equipe di Woking potrebbe anche voler dire essere stato una meteora, o più ancora una promessa rimasta inespressa come accaduto a Hulkenberg.

“Daniel è la persona più delusa. E’ amareggiato dal fatto di non essere in grado di estrarre il massimo dall’auto. Per questo deve cercare di mantenere la calma. Solo così, sono certo, tornerà alle sue vecchie prestazioni”, ha chiosato l’ex dirigente Porsche nel WEC.

McLaren (©Getty Images)

Chiara Rainis