Pol Espargarò dietrofront: “Honda la moto più potente in frenata”

Pol Espargarò ridimensiona le dichiarazioni dopo il test e confida nel grande potenziale della sua Honda RCV.

Pol Espargaro
Pol Espargaro (foto Instagram)

Dopo il decimo posto di Jerez Pol Espargarò è stato abbastanza critico nei confronti del team Repsol Honda e della RC213V. Nelle prime quattro gare ha raccolto 17 punti, un bottino troppo magro viste le previsioni della vigilia. Ma al termine dei test il tenore delle dichiarazioni del pilota catalano si sono ammorbidite.

Pol ha riportato ancora due cadute anche lunedì, dopo quelle nelle FP3 e nel warm-up. E’ scivolato prima alla curva 1 intorno a mezzogiorno, poi nelle fasi finali del test IRTA. Nonostante tutto lascia Jerez con delle buone sensazioni dopo aver completato 89 giri con il suo miglior tempo di 1’37″506, finendo sesto, a sei decimi dal più veloce Maverick Viñales. “E’ stata una giornata molto impegnativa e produttiva per noi”, ha detto Pol Espargarò. “Abbiamo lavorato su molte cose, elettronica, aerodinamica, ergonomia. Sembrano temi semplici, ma quando sei ancora alle prime armi con una moto sembrano piccoli, ma insieme possono fare una grande differenza”.

Leggi anche -> MotoGP, Pol Espargarò: “Non so cosa stia succedendo”

Il potenziale della Honda

Il neo arrivato di casa HRC ha provato a seguire Taka Nakagami, che ha chiuso il GP di Jerez al 4° posto, come miglior pilota del marchio. “Qualunque cosa accada, abbiamo imparato molto ed è stato molto buono per me avere una giornata di test, dove abbiamo potuto guidare e testare le cose senza la pressione di un weekend di gara. Ora guardiamo a Le Mans”. Si era ipotizzato che Pol Espargarò potesse provare la moto del 2020, ma la notizia è stata presto smentita. “Non guardo indietro. Guardo al futuro e siamo convinti che la moto abbia delle potenzialità. Si tratta solo di fare molti giri. Voglio conoscere e capire questo modello”.

I problemi iniziano ad essere più chiari, ma le soluzioni non saranno rapide. “Non è un solo punto. Cambia anche da pista a pista.  Per un pilota nuovo in una squadra è sempre difficile fare un giro perfetto con gomme morbide”. Ma c’è grande fiducia nel lavoro dei tecnici in vista del proseguimento di campionato. “Penso che abbiamo la moto più potente quando freniamo. C’è ancora del potenziale per questo in altre aree. Dobbiamo assicurarci di essere sulla strada giusta e di poter continuare il nostro lavoro correttamente”.

Pol Espargaro
Pol Espargaro (foto Instagram)