Padre e figlio, ex piloti di Formula 1, correranno insieme nello stesso team

Genitore e figlio d’arte, entrambi con trascorsi in Formula 1, saranno compagni di squadra in una leggendaria gara automobilistica quest’anno

Jan Magnussen e Kevin Magnussen
Jan Magnussen e Kevin Magnussen (Foto Mark Thompson/Getty Images)

Tale padre, tale figlio. Saranno due generazioni a confronto sulla stessa vettura quelle che prenderanno parte alla prossima edizione della 24 Ore di Le Mans.

Due generazioni della famiglia Magnussen, per la precisione: il padre Jan e il figlio Kevin. Entrambi ex piloti di Formula 1: il papà con la Stewart alla fine degli anni ’90, il più giovane portacolori della Haas fino alla passata stagione.

Magnussen e il sogno di correre con papà

Dopo aver perso il posto nella massima categoria automobilistica, Kevin Magnussen è passato alle ruote coperte, disputando quest’anno il campionato americano di sportscar Imsa con il team Chip Ganassi Racing. Ma gli rimaneva ancora un sogno da coronare.

Quello di correre la leggendaria 24 Ore di Le Mans, magari proprio a fianco del suo illustre genitore, che la disputò ininterrottamente dal 1999 per vent’anni, vincendola per quattro volte in classe Gt. Peccato che nel frattempo Jan Magnussen avesse concluso la sua lunga esperienza da pilota ufficiale della Corvette.

“Abbiamo sempre voluto farlo, ma credo che ora che mio padre non è più pilota ufficiale sia più complicato”, aveva ammesso Kevin ai microfoni della rivista specializzata inglese Autosport. “Quando era un pilota Corvette, ci sono state delle opportunità. La Corvette mi avrebbe messo in macchina a Le Mans, ma per via della logistica e dei tempi di preparazione era impossibile”.

Insieme alla 24 Ore di Le Mans

L’opportunità tanto agognata, però, alla fine si è presentata. E ad offrirgliela è il team danese High Class Racing. Magnussen Senior e Junior correranno insieme la mitica maratona francese di durata a bordo di un prototipo di classe Lmp2, nell’equipaggio con Anders Fjordbach, consueto portacolori della loro squadra.

Inevitabile l’entusiasmo e la gioia del figlio d’arte: “Eccoci”, ha annunciato la notizia sul suo profilo ufficiale sui social network. “Mio papà e io correremo nello stesso team quest’anno a Le Mans, in Lmp2. Ci abbiamo provato per anni e questo è veramente un sogno che si avvera”.