Grosjean torna in gara e ammette: “Prima del via ho pianto”

Lo scorso weekend in Alabama Grosjean è tornato ufficialmente a gareggiare. Tante le emozioni per l’ex F1 soprattutto prima dello start.

(©Romain Grosjean Twitter)

Il suo rientro alle competizioni è coinciso con un incidente in F1, dall’altra parte dell’oceano, alla curva del Tamburello che in altra epoca avrebbe avuto altri effetti (vedasi Senna), e che per certi versi ha ricordato il suo, se non altro per la lunga interruzione con bandiera rossa. Passato dal Circus all’Indycar nello spazio di pochi mesi,  Romain Grosjean si è già tolto qualche soddisfazione.

Nel primo round del campionato americano svoltosi lo scorso fine settimana in Alabama sul circuito del Barber Motor Park, il pilota della Dale Coyne ha tagliato il traguardo in decima piazza, appena due posti più indietro rispetto ad un altro ex della classe regina Marcus Ericsson.


Visibilmente emozionato al termine della competizione, il ginevrino ha confidato al quotidiano sportivo l’Equipe di aver pianto prima dello start. “Risalire su una macchina, essere al via, è stato un momento speciale”, le sue parole. “Ho pensato ai miei bambini. A mia moglie. Poi mi sono fatto coraggio”.

Sorpreso dell’essere riuscito a concludere in top 10 alla sua prima apparizione nella categoria, il 33enne si è soffermato sulle criticità incontrate. “Si trattava di un circuito fisicamente duro e piuttosto tecnico. Inoltre ho accusato qualche noia meccanica che di certo non mi ha reso la vita facile”, la sua analisi.

Stando ad indiscrezioni francesi, prima di partire per gli States l’ex Haas avrebbe effettuato una prova sedile. Che fosse quello di una Mercedes come si diceva a dicembre? Può darsi. A quanto pare l’elvetico dovrebbe compiere qualche tornata su una W10 del 2019 in occasione del round del Paul Ricard il prossimo giugno.

(©Romain Grosjean Twitter)

Chiara Rainis