Morbidelli torna davanti. Con amarezza: “Mi rode, non ho la moto migliore”

Franco Morbidelli risale nelle posizioni che contano nelle qualifiche del GP del Portogallo. Ma si rammarica per non avere la miglior Yamaha

Franco Morbidelli sulla Yamaha Petronas nel Gran Premio del Portogallo di MotoGP 2021 a Portimao
Franco Morbidelli sulla Yamaha Petronas nel Gran Premio del Portogallo di MotoGP 2021 a Portimao (Foto Dorna)

“Dobbiamo essere contenti della nostra posizione”, sorride Franco Morbidelli. E ne ha ben donde. Dopo la miseria di un diciottesimo e di un dodicesimo posto conquistati nelle due gare inaugurali della stagione in Qatar, il ritorno in Europa per il Morbido ha coinciso con il ritorno nelle posizioni di vertice.

Nelle qualifiche del Gran Premio del Portogallo di MotoGP, a Portimao, il pilota italo-brasiliano del team Petronas ha infatti centrato la quinta piazza sulla griglia di partenza. Improvvisamente si è riscoperto veloce come lo scorso anno, e il bello è che nemmeno lui sembra comprenderne davvero le ragioni.

“Credo di avere ritrovato il feeling con la moto e di essere lì”, spiega a fine giornata. “Non so bene perché, ma mi trovo a mio agio, riesco a guidare meglio. Ho un buon potenziale per la gara, un buon passo. Sul giro secco gli altri sono migliorati più di noi rispetto all’anno scorso. Ma essere tornato davanti è importante e sono soddisfatto”.

Dispiacere Morbidelli: “Peccato non avere il materiale top”

Soddisfatto sì, ma con un certo rammarico. Vedere lì davanti a tutti in pole position una Yamaha ufficiale, quella del suo ex compagno di squadra Fabio Quartararo, mentre lui è costretto ad accontentarsi del modello vecchio, è pesante da digerire.

“Mi prude di non avere il materiale migliore, non posso e non riesco a nasconderlo”, ammette. “Io cerco di fare il mio lavoro, cioè essere il miglior pilota possibile, spingere al limite con i mezzi che ho. Non posso girarmi i pollici, devo lavorare su questo. Dalle situazioni difficili si scoprono cose fantastiche”.

Chissà se con le sue prestazioni Frankie convincerà la Casa di Iwata a concedergli una M1 ultima versione a tutti gli effetti: “Fare previsioni sul futuro è difficile, è presto per parlarne, ma sicuramente ci penso. Io spero di assicurarmi il meglio possibile per me, tecnicamente ed emotivamente, poi ci penserà la VR46“.

Prima, però, è il momento di pensare alla corsa di domani: “Adesso è anche importante essere concentrato sul momento e rendere al massimo”, conclude Morbidelli. “Sono più rinfrancato rispetto al Qatar, ho un buon potenziale per la gara e un feeling migliore”.

LEGGI ANCHE —> MotoGP Portimao: Quartararo, che occasione. Riscatto Morbidelli

Franco Morbidelli sulla Yamaha Petronas nel Gran Premio del Portogallo di MotoGP 2021 a Portimao
Franco Morbidelli sulla Yamaha Petronas nel Gran Premio del Portogallo di MotoGP 2021 a Portimao (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)