“Sainz, non fare lo stesso errore di Massa”: il consiglio del tecnico di Felipe

C’è un errore commesso da Felipe Massa che oggi il suo successore alla Ferrari, Carlos Sainz, non deve più ripetere, afferma un ex ingegnere

Felipe Massa e il suo ingegnere di pista Rob Smedley nel 2013
Felipe Massa e il suo ingegnere di pista Rob Smedley nel 2013 (Foto Studio Colombo/Ferrari)

Undici vittorie e un titolo mondiale sfiorato, nel 2008. Anzi, tenuto in mano solo per qualche secondo, dopo aver tagliato il traguardo da vincitore nel suo Gran Premio del Brasile, ma prima che Lewis Hamilton superasse Timo Glock e andasse a prendersi lui l’iride.

Non si può certo dire che il bilancio degli otto anni trascorsi da Felipe Massa alla Ferrari sia stato deficitario. Eppure c’è un errore che il paulista commise, al suo arrivo a Maranello, che ancora oggi il suo storico ingegnere di corsa Rob Smedley ricorda bene.

Lo sbaglio di Massa che Sainz non ripete

È stato l’eccesso di aggressività. Uno sbaglio che, al contrario, oggi il neo ferrarista Carlos Sainz sta evitando di compiere, dal momento che al suo Gran Premio inaugurale in rosso in Bahrain ha affermato apertamente di aver corso in maniera conservativa. Smedley concorda con la tattica dello spagnolo.

“La pressione che si prova alla Ferrari non è paragonabile a quella di nessun’altra squadra”, ha affermato l’ingegnere inglese ai microfoni del podcast F1 Nation. “Sei costantemente sotto i riflettori. E, quando le cose vanno male, possono peggiorare davvero rapidamente. La cosa peggiore che Sainz avrebbe potuto fare sarebbe stata quella di fare una dichiarazione sbruffona su come sarebbe diventato il numero uno in Ferrari. Se non fosse stato così, la pressione sarebbe montata e avrebbe fatto molta fatica a fare risultato”.

Dall’esperienza di Massa c’è dunque una lezione da trarre, per Sainz: “Quando ripenso alla prima stagione di Felipe alla Ferrari, lui commise il grave errore di pensare di dover essere all’altezza di Michael Schumacher, un sette volte campione del mondo. Nella testa di Massa, lui lo avrebbe eguagliato e battuto. Solo quando ha avuto intorno le persone giuste allora è riuscito a rimettere i piedi per terra. Ci sarebbe voluto molto tempo per batterlo”.

Quindi Sainz ha fatto bene a prenderla con cautela. Meno bene ha fatto a rivelarlo ai microfoni dei giornalisti: “Non dovresti mai mostrare le tue debolezze”, chiosa Smedley. “Avrebbe dovuto giocare a carte coperte…”.

LEGGI ANCHE —> Sainz promette: “Riporterò la Ferrari a vincere. Come il mio Real Madrid”

Carlos Sainz in pista nelle prove libere del Gran Premio del Bahrain di F1 2021 a Sakhir
Carlos Sainz in pista nelle prove libere del Gran Premio del Bahrain di F1 2021 a Sakhir (Foto Ferrari)