Pit Beirer: “Il team VR46 non rientra tra le priorità”

KTM arriva a Portimao per trovare una buona base per la RC16 dopo le opache prestazioni a Doha. A breve la firma con il team satellite Tech3.

Pit Beirer
Pit Beirer (getty images)

KTM ha un po’ deluso le aspettative nel doppio Gran Premio iniziale in Qatar. Il miglior risultato è l’8° posto di Brad Binder, evidenziando come la RC16 possa ritrovarsi in grandi difficoltà su alcuni tracciati. Adesso a Portimao è tempo di trovare il riscatto, memore della vittoria ottenuta lo scorso novembre ad opera di Miguel Oliveira. Sarà la gara di casa per il pilota portoghese alla ricerca di un primo buon risultato stagionale dopo le due vittorie dello scorso anno.

Oliveira è reduce da un timido 15° posto a Doha, mentre il team satellite Tech3 di Danilo Petrucci e Iker Lecuona non ha raccolto punti nelle prime due gare iridate. Di conseguenza, KTM è solo quinta in classifica costruttori, dietro ad Aprilia, e sono scivolati al settimo posto nel campionato a squadre. Pit Beirer, Direttore Motorsport di KTM, prova a fare quadrato intorno al suo box: “I due GP del Qatar ci hanno mostrato ancora una volta i nostri limiti. Ecco perché il nostro prossimo grande obiettivo è stabilizzare i due team esistenti e i quattro piloti. Non abbiamo bisogno di parlare di una terza squadra adesso”.

Firma imminente KTM-Tech3

La casa di Mattighofen in passato non ha nascosto un certo interesse per il nascituro team Sky VR46 di Valentino Rossi, anche se il club di Tavullia sembra più orientato verso Ducati o Suzuki. Beirer non sembra interessato a formare una terza squadra per il 2022. “In MotoGP le cose possono sempre cambiare velocemente. Non escludiamo nulla ora. Ma non è assolutamente nei nostri piani – ha detto a Speedweek.com – e ha zero priorità. Con Tech3, abbiamo il nostro partner preferito come team satellite. Stiamo lavorando per ottenere una base ancora migliore. In modo che a un certo punto non ci siano più cattive piste per KTM. Non ha senso se ora ci assumiamo nuovi compiti”.

KTM a breve rinnoverà l’accordo con il team Tech3 di Hervè Poncharal per i prossimi cinque anni, anche se la firma richiederà ancora un po’ di tempo. “Questo accadrà al 100 percento. Ma in inverno c’era sempre un mega blocco in Francia o in Austria. Viaggiare non è stato così facile. Quindi c’erano problemi terreni e umani. Ecco perché volevamo sederci e rilassarci in Qatar tra i due Gran Premi e lavorare sul contratto. Ma Hervé era a Doha con la sua squadra in una bolla alberghiera diversa. Quindi non ci è stato permesso di incontrarci a causa delle misure rigorose. Ma niente panico. Abbiamo un impegno reciproco. Sarà fatto presto”.

Miguel Oliveira a Losail (foto Instagram)