Valentino Rossi, il consiglio di Carlo Pernat: “Fossi in te, ci penserei bene”

Carlo Pernat, che è stato manager di Valentino Rossi nei suoi primi anni di carriera, ha le idee chiare su quello che dovrebbe fare il Dottore

Valentino Rossi
Valentino Rossi (Foto Petronas)

La carriera di Valentino Rossi è nuovamente ad un bivio. La nuova avventura con il team satellite Petronas, che alcuni speravano potesse rivitalizzare la motivazione e le prestazioni del Dottore, è invece iniziata male.

A questo punto il suo futuro è avvolto da un’incertezza sempre più marcata: restare ancora in MotoGP per un’altra stagione, quando avrà ormai compiuto 43 anni, oppure appendere il casco al chiodo e ritirarsi definitivamente?

Il parere di Pernat su Valentino Rossi

Chi ha qualcosa da dire al riguardo è Carlo Pernat, veterano dei manager del Motomondiale, del quale proprio il fenomeno di Tavullia, nei suoi primi anni di carriera, fu il più brillante degli assistiti. Il ligure ha le idee chiare al riguardo e spinge il numero 46 a fare la sua scelta in tempi piuttosto serrati. “Fossi in Valentino Rossi aspetterei ancora un paio di gare e poi prendere una decisione”, ha dichiarato Pernat ai microfoni di Rai Sport. Mi fa malissimo vederlo così”.

Nel caso in cui non si debba registrare una crescita a livello di competitività già nei prossimi Gran Premi, il consiglio di Carletto a Vale è quello di avviarsi all’abbandono alle corse: “Se tra due gare dovesse vedere che la situazione non migliora, potrebbe comunicare a Yamaha Petronas la volontà di non proseguire nel 2022. In questo modo darebbe loro il tempo di cercare un giovane come sostituto. Pensaci bene, Valentino!”.

Pernat ha detto la sua anche sulla Honda, che pure lei, in assenza del suo leader Marc Marquez, si ritrova in grosse difficoltà: “È un inferno, è Marquez-dipendente al 150% e non può sprofondare così”, ha sostenuto ai microfoni del sito specializzato GPOne.com. “Pol Espargarò sembra un fallimento, per ora, Alex Marquez è retrocesso e la sta pagando dal punto di vista psicologico e Nakagami non ha fatto il salto di qualità”.

LEGGI ANCHE —> Terruzzi racconta la crisi di Valentino Rossi: “È disorientato e deluso”

Carlo Pernat
Carlo Pernat (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)