Miller, che rischio! La Ducati si imbizzarrisce, ma lui è il più veloce (VIDEO)

Jack Miller rischia di essere disarcionato dalla sua Ducati nelle prove libere del Gran Premio di Doha, ma alla fine segna il miglior tempo

Jack Miller rischia di essere disarcionato dalla sua Ducati nelle prove libere del Gran Premio di Doha di MotoGP 2021 a Losail
Jack Miller rischia di essere disarcionato dalla sua Ducati nelle prove libere del Gran Premio di Doha di MotoGP 2021 a Losail (Foto Twitter/MotoGP)

Non è mancato il brivido a Jack Miller nel corso della seconda sessione di prove libere del Gran Premio di Doha. Poco prima della bandiera a scacchi, il pilota australiano ha rischiato di venire disarcionato dalla sua Ducati, trasformatasi nell’occasione in un cavallo imbizzarrito.

Ma lui, da buon cowboy, alla fine è riuscito a domarla e a rimanere saldamente in sella, nonostante la situazione rischiosa: “Ho rischiato di cadere e ho picchiato forte i ‘gioielli di famiglia’ contro il serbatoio, ma è andato tutto bene”, sorride Jackass a fine turno.

Jack Miller segna il miglior tempo

E per sorridere ha davvero delle ottime ragioni. Suo, infatti, è il miglior tempo nel venerdì di Losail, un crono letteralmente stratosferico di 1:53.145. Insomma, la pista non è cambiata, ma la situazione sembra essergli decisamente più favorevole rispetto a quella della settimana scorsa, almeno per ora.

“Nella prima sessione di prove libere le temperature erano doppie rispetto al turno del pomeriggio, per cui non abbiamo voluto lavorare troppo sull’assetto”, ha raccontato Miller. “L’aderenza sembra differente, ma per il mio stile di guida è migliore, mi ha permesso di utilizzare un assetto più simile a quello dei test”.

Ducati sugli scudi al Gran Premio di Doha

Alle sue spalle si trovano altre due Desmosedici, quelle del suo compagno di squadra Pecco Bagnaia e quella satellite del team Pramac di Johann Zarco. La Rossa di Borgo Panigale sembra dunque essere messa davvero bene in questo fine settimana, ma per ora non è previsto alcun gioco di squadra o alcuna strategia comune.

“Con Pecco parliamo, con lui lavoro bene, ma non ci diciamo che cosa possiamo fare insieme in gara”, conferma Jack. “Ogni pilota fa per sé e ognuno di noi cercherà sempre di fare il massimo”. Ovvero di cogliere la vittoria: dopo un venerdì del genere, l’obiettivo non può essere nulla di meno.

LEGGI ANCHE —> MotoGP Doha, prove libere 2: Miller brucia tutti. Tempi e classifica

Jack Miller (Foto Getty Images)