MotoGP Qatar, Bastianini sorprende al debutto: “Risultato incredibile”

Bastianini impressionante all’esordio in MotoGP. Ha chiuso la top 10 nella sua prima gara a Losail. L’ex pilota Moto2 è molto soddisfatto.

Enea Bastianini
Enea Bastianini (Getty Images)

Ottimo esordio di Enea Bastianini in MotoGP. Dopo aver mancato la Q2 per pochi millesimi nelle Qualifiche, in gara è arrivato un buonissimo decimo posto finale in Qatar.

Bel modo di iniziare la sua esperienza nella classe regina del Motomondiale. Il pilota del team Esponsorama Avintia ha gestito bene la corsa, pur essendo ancora a corto di esperienza sulla sua Ducati. Nel prossimo weekend si correrà ancora a Losail e il campione del mondo Moto2 2020 cercherà di confermarsi in top 10.

LEGGI ANCHE -> MotoGP Qatar, Valentino Rossi: “Non era la gara che mi aspettavo”

MotoGP, Bastianini sulla gara in Qatar

Bastianini ha parlato ai microfoni di Sky Sport MotoGP dopo il decimo posto ottenuto oggi a Losail: «Risultato incredibile. Purtroppo in partenza non sono riuscito a mettere l’abbassatore e quindi sono partito malino. Nei primi giri ho cercato di prendere il ritmo, è stato strano girare con gli altri e una moto così potente. Poi ho visto che avevo buon feeling e buon passo, ho spinto giro dopo giro riuscendo a fare un po’ di sorpassi. Negli ultimi giri avevo dolore alle braccia per quanto avevo spinto e ho dovuto tirare un po’ i remi in barca, avrei voluto fare un pelino di più. Però ho pensato ad arrivare al traguardo».

Il pilota italiano del team Esponsorama Avintia ammette ciò che deve migliorare e conferma di avere grande voglia di lavorare per affermarsi nella top class: «Devo sicuramente migliorare il time-attack. Girare con gomme nuove è ancora la cosa che fatico di più a fare. Ho fatto diversi errori in Qualifica, per 5 millesimi ho mancato la Q2. Comunque sono alle prime armi, voglio formarmi per bene».

Il Bestia spiega anche cosa gli aveva detto il capotecnico Alberto Giribuola prima della gara di Losail: «Mi aveva detto di stare calmo all’inizio, di capire come funziona la categoria e gestire bene le gomme per la fine. Così è stato. Solo non avevo considerato che alla fine sarei stato stanco per riuscire ad attaccare ancora un po’. Comunque ho fatto una bella gara».