Superbike, Rabat non brilla a Misano: “Tanto lavoro da fare”

Rabat non è al livello sperato con la Ducati del Barni Racing Team. Il pilota Superbike lascia il test idi Misano con aspetti da migliorare.

Tito Rabat Superbike
Tito Rabat (foto Barni Racing Team)

Non è andato come previsto il test privato Superbike a Misano per Esteve ‘Tito’ Rabat. L’ex pilota MotoGP non è riuscito ad essere al livello dei migliori nei due giorni in pista.

Lo spagnolo è un esordiente nel Mondiale SBK, ma era lecito attendersi qualcosa di più da uno che ha corso tanti anni nel Motomondiale e ha vinto anche un titolo in Moto2. Comunque c’è ancora tempo per lui e il Barni Racing Team per prepararsi al meglio in vista dell’inizio del campionato 2021. Sul passo gara la situazione non è pessima, ma si possono fare certamente dei miglioramenti nei prossimi test.

LEGGI ANCHE -> Superbike, test Misano: classifica day-2. Rinaldi batte tutti

Rabat vuole migliorare dopo il test SBK a Misano

Rabat, oggi nono a 1″5 dal leader Michael Ruben Rinaldi, ha spiegato quali sono le sue sensazioni in sella alla sua Ducati Panigale V4 R: «Mi aspettavo di fare un po’ meglio per quanto riguarda il tempo sul giro, ma quando mettiamo la gomma più soffice non riesco a spingere. L’aspetto positivo è il passo gara che è stato buono fin da subito, ma adesso dobbiamo pensare ai test di Barcellona per cercare di migliorarci. C’è ancora tempo prima dell’inizio della stagione, ma il lavoro da fare non manca».

Marco Barnabò, team principal Barni Racing, si è così espresso dopo i due giorni di test a Misano: «Con Rabat abbiamo avuto un problema di vibrazioni che non siamo riusciti a risolvere. Con la gomma da gara non siamo messi male perché abbiamo fatto molti giri in 1’35 basso, ma quando mettiamo una gomma che ha più grip non riusciamo ad essere veloci. Praticamente siamo stati gli unici a non utilizzare mai la gomma da qualifica, adesso la priorità è mettere Tito nelle migliori condizioni per esprimersi».