Verstappen chiarisce la forma Red Bull: “Bene, ma non siamo i migliori”

Verstappen frena gli entusiasmi del talent scout della Red Bull Marko pur confermando i progressi della RB16B.

(©Red Bull Twitter)

Nelle scorse ore il cacciatore di talenti Helmut Marko aveva esaltato la nuova monoposto e in particolare il motore aggiornato della Honda ipotizzando addirittura non solo successi di gara, ma pure del mondiale.

Dopo aver effettuato due giorni di test sul circuito di Sakhir Max Verstappen ha però rivelato un’altra verità. Malgrado gli evidenti progressi della RB16B, l’auto sviluppata a Milton Keynes non sarebbe in grado di battere la Mercedes.

Le Frecce Nere si sono nascoste

Se guardando alla classifica nuda e cruda si potrebbe pensare a qualche intoppo sulla W12, la sensazione collettiva è che i tedeschi finora abbiamo giocato e che ad oggi siano i favoriti assoluti.

“Facendo un confronto con il pre-stagione dello scorso anno, posso dire che siamo messi meglio”, ha analizzato il #33. “Abbiamo fatto un bel salto in avanti con la monoposto nel corso dell’inverno, ma pure durante il campionato 2020 eravamo cresciuti”.

“Sia gli assetti, sia le novità provate hanno dato ottimi responsi”, ha proseguito nella riflessione. “Come inizio è positivo, tuttavia non penso ci si possa definire i principali candidati al titolo. Alla fine i test non danno quasi mai responsi veritieri. Aspettiamo prima di giudicare. Nessuno ha fatto vedere qualcosa”.

Per l’olandese quindi, Hamilton e Bottas  avrebbero ricevuto l’ordine di bluffare, o meglio, non si sarebbero mai dedicati alla prestazione, preferendo focalizzarsi sul lavoro sulla distanza. Allo stesso modo anche le ansie del boss della Stella Toto Wolff sarebbero del tutto ingiustificate e sceniche.

Per quanto riguarda l’equipe energetica, invece, una cosa sembra essere certa. La bontà della scelta di retrocedere Albon al ruolo di collaudatore e ingaggiare Sergio Perez come pilota ufficiale. Il messicano ha dimostrato di sentirsi a suo agio nell’abitacolo austriaco sin dal primo giorno e questo potrebbe rivelarsi un asso nella manica della squadra e dello stesso Mad Max.

(©Max Verstappen Twitter)

Chiara Rainis