Chicho Lorenzo scredita i piloti Ducati: unica eccezione Jorge Martin

Durante una diretta sul suo canale YouTube Chicho Lorenzo scredita quasi tutti i piloti della Ducati. Ad eccezione del connazionale Jorge Martin.

I piloti Ducati 2021 (foto Instagram)

A pochi giorni di distanza dalla due giorni di test privati Ducati a Jerez Chicho Lorenzo passa in rassegna i sei alfieri. Per il marchio emiliano si è trattato più che altro di mezza giornata, a causa del maltempo, in sella alle Panigale V4S, dato che non era possibile schierare i prototipi MotoGP.

L’analisi dei piloti factory

Con una rivoluzione giovanile Borgo Panigale proverà a dare l’assalto al titolo mondiale. Le speranze maggiori sono riposte su Jack Miller, ma Chicho Lorenzo non ripone molte speranze. “La linea di Miller non è quella di un pilota sempre al top. E le cose non cambiano o lo sei o non lo sei. Il problema di partire male e poi migliorare con il passare delle gare succede a piloti che non si sono preparati. Con il passare delle settimane prendono la forma, ma non arrivano con una forma come Dio voleva. È un pilota molto fiero, ha molto talento ma non si limita a prendere sul serio la sua professione. Non è un pilota risolutore. In sei anni non abbiamo assistito a grandi evoluzioni, anche se in molte occasioni ha brillato. La tua visione cambierà ora che sarai con una moto che l’anno scorso ha vinto delle gare? Vedremo”.

Al suo fianco ci sarà Pecco Bagnaia, che nel suo curriculum vanta già un titolo iridato in Moto2. Anche in questo caso il papà di Jorge Lorenzo mostra qualche riserva. “Bagnaia ha il suo lato A e il suo lato B. È un pilota molto testardo, come mio figli . Penso che abbia tante buone carte, ha vinto tanto e penso che succederà di tutto perché riesce ad assumere quell’atteggiamento che gli fa raggiungere la sua migliore prestazione. Se fai questo passo e lo consolidi, penso che possa riservarci delle sorprese”.

Leggi anche -> Marc Marquez mostra le spalle dopo l’operazione

Un giudizio sui piloti Pramac

In Pramac sale l’esperto Johann Zarco che correrà la sua seconda stagione in sella ad una Ducati. “È un pilota che ha vinto due mondiali di Moto2. Poi è arrivato in Tech 3 con la Yamaha dove è andato relativamente bene: ha fatto grandi partenze ma non ha mai vinto. Ha dato lampi di essere molto veloce – ha ricordato Lorenzo senior -. In Yamaha era molto alto ed è andato in KTM dove è caduto. Quando ha lasciato la KTM, Lecuona lo ha battuto sulla sua moto. È un pilota di momenti brillanti ma anche di piedi d’argilla. Ha 30 anni, non ha più margini di miglioramento. Hai bisogno di un miracolo come Miller”.

Invece Chicho Lorenzo sembra più ottimista sul connazionale e rookie Jorge Martin. “È un pilota molto combattivo. Gli ho detto che doveva fare la gara ideale: ottenere la pole, partire veloce e vincere. E stava avanzando in questo ed è diventato campione. Infatti ha vinto alcune gare giocando con le strategie come Ángel Nieto“.

Chicho scredita Marini e Bastianini

Non sembra fiducioso neppure quando si tratta di Luca Marini ed Enea Bastianini, i migliori della classe Moto2 2020. “Stavo seguendo Marini da vicino e l’anno scorso ha fatto una grande gara. Ma l’incidente di Le Mans è stato il suo punto di svolta ed è passato da molto bene a fare molto male. Non ha superato quell’incidente. Sei pronto a competere in una categoria di cani selvaggi come la MotoGP? Non la penso così”. E sul campione in carica della classe di mezzo Chicho Lorenzo avanza altri dubbi. “Bastianini è il tipico pilota italiano che ha talento ma non è regolare, né la loro intelligenza li aiuta a fare passi avant . È un purosangue da corsa ma non credo che possa essere abbastanza intelligente da farsi avanti. Inoltre, quello che hai ottenuto in Moto2 non ti è di alcuna utilità in MotoGP. Dipenderà dal cambiare quella mentalità e dai passi avanti”.

jorge martin
Jorge Martin (foto Instagram)