Simone Battistella: “Se Honda chiama, Andrea Dovizioso è pronto”

Andrea Dovizioso spera in una chiamata last minute dalla Honda. Una decisione verrà presa entro la fine di febbraio in vista del test in Qatar.

Andrea Dovizioso
Andrea Dovizioso (foto Instagram)

Andrea Dovizioso non ha gettato la spugna sul ring della MotoGP. Continua ad allenarsi ad alti livelli in motocross, anche al fianco di un campione MXGP come Glenn Coldenhoff. Il suo manager Simone Battistella ribadisce che il suo assistito sarà sicuramente pronto in caso di chiamata all’ultimo minuto. “Si sta allenando per il motocross a livello amatoriale ma lo sta facendo con una tale intensità come se fosse in piena pre season MotoGP. Lavoreremo quest’anno per rientrare a pieno titolo nel 2022. Per quando riguarda Honda, premesso che sia a me sia ad Andrea dispiace molto quello che sta succedendo a Marc (Marquez, ndr), è chiaro che stanno valutando esattamente quando il loro pilota possa rientrare. A mio avviso, giustamente, hanno timore di compiere degli errori in una situazione tanto delicata”.

La decisione entro febbraio

Una decisione verrà presa sicuramente entro la fine di febbraio. I vertici HRC vogliono capire quando potrà tornare Marc Marquez in pista e decisive saranno le prossime visite mediche per fare delle previsioni. Dal canto suo Andrea Dovizioso si dice pronto anche a provare nei test di Losail sulla RC213V prima di prendere una decisione. “A pensarci bene a una chiamata inizialmente a spot per conoscersi e capire come va Andrea con quella moto direi di si – spiega Simone Battistella a Sky Sport MotoGP -. Parliamo di una moto vincente e di un pilota che in Qatar è sempre andato tanto forte; l’abbinamento incuriosirebbe tifosi e non”.

Da escludere, invece, che Andrea Dovizioso inizi la stagione per lasciare il posto al fenomeno di Cervera a campionato in corso. Impossibile immaginare anche l’impiego di una terza monda in casa Repsol Honda. “Sinceramente non mi aspetto che la Honda faccia iniziare il mondiale a Dovi per poi farglielo interrompere a metà o verso fine stagione… Aspettiamo mentre Andrea, molto serenamente, lavora con la serietà e l’impegno che lo contraddistingue. Ovvio non ci piace nasconderci dietro un dito e l’idea di seguire dal divano di casa il doppio appuntamento del Qatar magari non sarebbe facile… Ammesso che Dovi non sia su una pista di motocross proprio in quelle ore”.

Simone Battistella
Simone Battistella (getty images)