Stefan Bradl: “Il ritorno di Marc Marquez sarà una sfida”

Stefan Bradl a Jerez per iniziare il lavoro di test sulla Honda RC213V. Sarà lui a sostituire Marc Marquez fino al ritorno.

Stefan Bradl
Stefan Bradl (foto Instagram)

Nonostante la pioggia non abbia dato tregua nella prima giornata di test a Jerez, Stefan Bradl ha voluto refertare alcuni giri in sella alla nuova Honda RC213V. La casa giapponese è il primo costruttore a mettersi al lavoro in questo 2021, l’obiettivo è colmare alcune lacune tecniche emerse nella passata stagione. A cominciare dal feeling con la nuova gomma posteriore Michelin.

Qualche macchia era già emersa nel corso dei test in Qatar del marzo 2020, quando Marc Marquez fu costretto a saltare in sella alla moto 2019 di Nakagami nell’ultimo giorno utile.  “Forse abbiamo riconosciuto i problemi con le nuove gomme posteriori troppo tardi”, ha ammesso il collaudatore tedesco a Speedweek.com. “Poi abbiamo girato in tondo. Quando è iniziata la stagione non abbiamo trovato il motivo per cui non ha funzionato e perché la situazione fosse così nettamente diversa dal 2019″.

Bradl e Honda in attesa di Marc

HRC è riuscita a correre ai ripari con qualche aggiornamento apportato durante il test di Misano a settembre, dopo il quale Alex Marquez ha potuto lottare per il podio. Adesso Stefan Bradl avrà il compito di paragonare alcuni differenti telai, nuove sospensioni e un pacchetto aerodinamico rivisitato. Ma le idee saranno più chiare solo quando le RC213V potranno confrontarsi con gli avversari a Losail. “Poiché anche lo sviluppo degli pneumatici è stato posticipato al 2022, ora probabilmente abbiamo una base migliore. I tempi sul giro nel 2020 sono stati sempre brutalmente vicini. È stato solo durante la gara che il campo si è allargato un po’. Ci concentreremo quindi maggiormente sull’assetto da gara nei test invernali. Perché difficilmente riesci a fare la differenza sul giro secco”.

L’unico in grado di fare la differenza è Marc Marquez, lontano dalle piste dallo scorso luglio, dopo l’incidente nella prima gara di Jerez costatogli la frattura all’omero destro. Non c’è nessuna data, neppure approssimativa, ma quando tornerà gli servirà probabilmente un periodo di adattamento. “Il ritorno sarà una grande sfida per Marc”, ha concluso Stefan Bradl. “Ma ho fiducia in lui che si rimetterà in piedi abbastanza rapidamente. Lo spero, solo per Honda. Ma la Honda sta facendo meglio ora in generale rispetto a dopo il ritiro di Marc a luglio. Perché Nakagami aveva ancora una macchina del 2019. Crutchlow era sempre infortunato, Alex Marquez era un debuttante. E io non ero seduto su una moto da corsa per cinque mesi prima del GP di Brno”.

Stefan Bradl
Stefan Bradl (Foto Gold & Goose/Red Bull)