Zanardi, l’inchiesta svela l’inaspettata verità sulla dinamica dell’incidente

Il perito che ha analizzato la dinamica dell’incidente di Alex Zanardi rivela che a provocarlo non fu l’invasione di corsia del camion

Alex Zanardi
Alex Zanardi (Foto Bmw)

Non è stata la presunta invasione di corsia del tir, contro il quale si scontrò la handbike di Alex Zanardi, a provocare il terribile quanto sfortunato incidente che vide vittima il campione bolognese il 19 giugno scorso, sul tratto di strada provinciale che va da Pienza a San Quirico d’Orcia, nel senese.

Lo si legge nelle conclusioni alla richiesta d’integrazione della perizia, depositata nei giorni scorsi, l’ultimo sviluppo dell’indagine aperta dalla procura di Siena per far luce sulle dinamiche dello schianto. Rai News ha pubblicato i contenuti dell’analisi del perito Dario Vangi, citando fonti vicine all’inchiesta, che ha risposto a sette ulteriori quesiti, approfondendo il precedente documento stilato dall’esperto nominato dagli avvocati della famiglia di Zanardi, l’ingegner Giorgio Cavallin, e da quello incaricato dalla difesa del camionista indagato per lesioni gravissime, l’ingegner Mattia Strangi.

Le conclusioni del perito sull’incidente di Zanardi

Vangi avrebbe documentato che il camion ha sconfinato la linea di mezzeria per un tratto “inferiore ai 40 centimetri”, dunque “minimo, stante il tipo di mezzo e la strada percorsa”. Questo sconfinamento potrebbe inoltre essere stato motivato dalla “presenza di un ciclista davanti all’autocarro e dall’inizio della manovra di sorpasso dell’autocarro stesso, comunque consentita”. Inoltre sempre lo stesso perito rileverebbe che “Zanardi avesse la tendenza ad allargare e arrotondare la curva, portandosi in prossimità della linea di mezzeria”. La conclusione è che “il sinistro si è verificato non a causa dell’invasione di corsia, ma a causa della presenza del veicolo”.

Parole che potrebbero dunque, in linea teorica, scagionare il camionista indagato. Ma sarà la stessa procura, nelle prossime settimane, a prendere le decisioni definitive in merito alla sua posizione, che potrebbero astrattamente arrivare anche fino all’eventuale richiesta di rinvio a giudizio.

LEGGI ANCHE —> “Come sta (davvero) Alex Zanardi”: ora parla la moglie Daniela

Alex Zanardi con la sua handbike
Alex Zanardi con la sua handbike (Foto Bmw)