Pol Espargaro, le prime parole da pilota ufficiale Honda (VIDEO)

Pol Espargaro concede la sua prima video intervista dopo il passaggio alla Honda, il suo nuovo team per la stagione 2021 di MotoGP

“Ho visto questa moto molte volte in foto e in video e vedo che fisicamente è piuttosto piccola. Queste moto più corte, che si possono gestire come si vuole, tendono a muoversi un po’ di più, ma questo è il genere che a me piace guidare. Si ha un grosso input, è il pilota a dire alla moto che cosa deve fare. A volte, certamente, bisogna forzare la moto a fare quello che non vuole, ma questo è il mio stile di guida”.

“Il principale obiettivo per la stagione non può essere altro che salire sul podio e cercare di vincere delle gare, o addirittura il Mondiale. Bisogna migliorare i risultati dell’anno scorso, che è stato positivo ma può andare meglio, e darò il massimo per riuscirci. Il primo anno non sarà facile, ma non sono venuto alla Honda per lottare per i primi sei, sono venuto qui per raggiungere l’obiettivo più alto della mia carriera, che è diventare campione del mondo. Di sicuro qui alla Honda è possibile riuscirci”.

“Che cosa può dare Pol Espargarò alla Honda? Cercherò di dare il mio atteggiamento proattivo, il mio duro lavoro, il mio massimo sforzo, la mia passione, il mio amore per questo sport e di sicuro i risultati”.

“Che cosa troverò nel mio primo test? Posso già dire che sarò super nervoso, tremerò e non credo che la notte prima riuscirò a dormire! Questo è un capitolo della mia vita che ho sempre cercato di immaginare. Non vedo l’ora di salire sulla moto per la prima volta, credo che sarà un momento che mi ricorderò per il resto della mia vita e voglio godermelo”.

“Poter condividere il team con Marc è stata un’altra ragione per accettare l’offerta della Honda. Ho lottato con Marc nelle categorie inferiori per molti anni e mi sono divertito molto, sono cresciuto con lui scontrandomi gara dopo gara e questo mi ha reso il pilota che sono oggi. Quando si lotta contro uno dei più grandi piloti del mondo si tende a migliorare molto più rapidamente. Il modo migliore per riuscirci è essere a fianco di piloti che valgono quanto, se non più, di te. Per questo ho cambiato squadra, perché voglio vedere il mio livello al confronto di Marc, che di sicuro è uno dei migliori sulla griglia”.

“È un sogno. Quando ti immagini a lungo indossare questi colori o guidare una moto del genere e alla fine ci riesci, è incredibile. Ho raggiunto il mio sogno, lo sto vivendo. Sì, al 100%”.

LEGGI ANCHE —> Pol Espargarò: “Al fianco di Marc Marquez crescerò velocemente”

Pol Espargaro
Pol Espargaro (Foto Honda)