Vettel è l’uomo giusto per Aston Martin? L’ex boss non ci crede: “Un errore”

Gli esperti di Formula 1 si dividono sul passaggio di Sebastian Vettel alla Aston Martin: Eddie Jordan non è convinto di questa mossa

Sebastian Vettel
Sebastian Vettel (Foto Ferrari)

La Aston Martin ha fatto bene o no a ingaggiare Sebastian Vettel? Questa è una delle incognite che solo la stagione 2021 di Formula 1 sarà in grado di svelare.

La neonata accoppiata tra il marchio inglese, che ha rilevato la ex Racing Point reduce da una stagione di grande crescita, e il quattro volte campione del mondo, apparso invece in crisi nel finale della sua avventura alla Ferrari, rappresenta infatti una delle novità più attese del campionato che verrà. E, in attesa di ricevere la riprova della pista, intanto gli osservatori, gli esperti e gli addetti ai lavori si dividono sulle rispettive opinioni in merito a questo passaggio di mercato.

Jordan non crede in Vettel

Tra i più critici nei confronti delle possibilità di Vettel c’è Eddie Jordan, ex team principal e oggi opinionista di Channel Four in Inghilterra. “Lui mi piace molto, ma credo che la Aston Martin abbia commesso un errore a ingaggiarlo”, ha affermato ai microfoni del sito specializzato F1 Insider. “Le sue ultime due stagioni contro Leclerc alla Ferrari sono state deprimenti. Non so perché sia andato così male, dopotutto ha vinto quattro campionati del mondo. Ma penso che abbia ormai superato i suoi momenti migliori. In ogni caso avrei riconfermato Perez“.

Ralf Schumacher è ottimista

Di parere drasticamente contrario è invece Ralf Schumacher, che per la Jordan corse in Formula 1: “La stagione di Vettel si è messa in salita fin dall’inizio ed evidentemente ha cercato di andare oltre i limiti della vettura”, spiega l’ex pilota a proposito del suo connazionale a Sky Germania. “In più deve avere avvertito un po’ di pressione e tutto ciò si è tradotto in errori in pista. Sebastian ha dimostrato quanto sia umana la F1“.

E la Aston Martin potrebbe essere la realtà giusta per permettere a Vettel di tornare a crescere: “Non si può trasformare una mucca in una tigre nel giro di una notte”, prosegue il fratello minore di Michael Schumacher. “La squadra ha ancora dei deficit da colmare, però non va dimenticato che è riuscita a restare in F1 più che dignitosamente in tutti questi anni tra mille difficoltà. Sono dei sopravvissuti. In più, sicuramente sosterranno Vettel al 100% e di questo sono molto contento”.

LEGGI ANCHE —> Sebastian Vettel, l’incubo del ragazzino che sognava la Ferrari

Eddie Jordan
Eddie Jordan (Foto Andreas Kolarik/Red Bull)