Lorenzo senior: “Davide Brivio saprà rivoluzionare la F1”

Chicho Lorenzo commenta l’addio di Davide Brivio alla MotoGP. E si dice certo che saprà eccellere anche in Formula 1.

Davide Brivio (Getty Images)
Davide Brivio (Getty Images)

Chicho Lorenzo è divenuto un commentatore tradizionale degli eventi MotoGP e non poteva esimersi dal parlare dell’argomento più scottante degli ultimi giorni: la partenza di Davide Brivio. Sul suo canale YouTube Motogepeando fa i complimenti al manager brianzolo per il salto di qualità tutto meritato.

Dal 2021 farà parte del team Alpine di Formula 1 in un ruolo ancora da chiarire. “Questi trasferimenti non avvengono solo per soldi. Devi avere la passione per realizzarli. Sapere come gestire la tua uscita quando sei ai massimi livelli è importante ed è anche la cosa più difficile – spiega il padre di Jorge Lorenzo -. Se Brivio vorrà tornare, avrà tutte le porte aperte, non solo quella della Suzuki. Soprattutto vista la cattiva gestione che le grandi squadre hanno fatto quest’anno”.

La previsione di Chicho

Davide Brivio ha cominciato come addetto stampa circa trent’anni fa, adesso si ritrova a ricoprire una carica importantissima. In questa lunga carriera ha dimostrato di cosa sia capace, portando Valentino Rossi in Yamaha, vincendo in Suzuki con budget molto contenuti e partendo quasi da zero. “Quali dubbi possiamo avere su qualcuno con una tale capacità se riuscirà o meno anche in Formula 1?”. E Chicho Lorenzo assicura: “Può anche rivoluzionare la categoria”. Per quanto riguarda il team satellite Suzuki per la stagione 2022, Lorenzo Senior ha dichiarato: “È difficile immaginare Valentino Rossi al di fuori della Yamaha. Nel caso di Razlan Razali, potrebbe portare dei soldi alla Suzuki”.

Tutto incerto tranne la decisione di Suzuki di non voler nominare un sostituto per il team manager lombardo. Al momento nessuna figura esterna sarebbe in grado di ricoprire le sue mansioni in così breve tempo dall’inizio del Mondiale.

Joan Mir, Davide Brivio e Alex Rins (Getty Images)
Joan Mir, Davide Brivio e Alex Rins (Getty Images)